01:30 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Bombardiere russo Tu-22М3 durante raid in Siria

    Effettuati con successo da aerei russi i primi raid in Siria dalle basi in Iran

    © Foto: Ministry of defence of the Russian Federation
    Mondo
    URL abbreviato
    12320

    Il ministero della Difesa russo ha confermato il dislocamento dei bombardieri strategici Tu-22M3 e dei caccia Su-34 nella base aerea iraniana di Hamadan.

    Oggi gli aerei russi, dopo essere decollati dalla base iraniana, hanno bombardato le posizioni dei gruppi terroristici dello Stato Islamico e Al-Nusra nelle province siriane di Aleppo, Deir ez-Zor e Idlib.

    Il dicastero militare russo rileva che nei raid sono stati colpiti 5 grandi depositi di armi, munizioni, carburante e petrolio, i campi di addestramento dei jihadisti vicino ai centri di Serakab, Al-Bab, Aleppo e Deir ez-Zor e 3 centri di comando islamisti a Jafri e Deir ez-Zor.

    Queste strutture riforniscono le forze jihadiste che combattono ad Aleppo, ha chiarito il ministero della Difesa russo.

    Dopo aver compiuto i raid, i bombardieri sono ritornati nella base in Iran.

    I decolli dalla base iraniana di Hamadan triplicano l'efficacia dei raid degli aerei russi contro i terroristi rispetto alle basi in Russia, ha detto a RIA Novosti il presidente dell'Accademia di Geopolitica e dottore in Scienze Militari Konstantin Sivkov.

    Ha chiarito che gli aerei possono caricare un maggior numero di bombe e raggiungere qualsiasi punto della Siria senza rifornimento.

    Il vicepresidente della commissione Difesa della Duma Andrey Krasov ha osservato che lo schieramento dei bombardieri in Iran aumenterà l'intensità dei raid contro le posizioni degli islamisti in Siria.

    Correlati:

    Iran promette alla Russia basi militari per la lotta contro i terroristi in Siria
    Russia schiera i bombardieri strategici Tu-22M3 in Iran per i raid in Siria
    Tags:
    ISIS, Terrorismo, raid della Russia in Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Idlib, Deir ez-Zor, Aleppo, Iran, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik