19:33 16 Agosto 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 21°C
    Armi chimiche

    Russia, ministro Difesa: “Putin ha salvato Siria da 624 missili da crociera NATO”

    © Sputnik. Pavel Lisitsin
    Mondo
    URL abbreviato
    85697644

    Le azioni della Russia hanno permesso di evitare il bombardamento della Siria da parte della NATO con 624 missili da crociera, ha riferito oggi il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu.

    "E' cambiata la situazione relativa alla Siria quando vi farete la domanda: che cosa sarebbe successo se il nostro presidente non fosse riuscito a convincere e implementare l'idea sulla consegna e distruzione delle armi chimiche. Erano pronti, vado a memoria, 624 missili da crociera della NATO per un massiccio bombardamento della Siria," — Shoigu ha detto al canale televisivo "Rossiya-24".

    Ha aggiunto che se fosse stata bombardata così massicciamente, sarebbe stato estremamente difficile ripristinare le strutture dello Stato siriano.

    Inoltre Shoigu ha rivelato che la Russia e gli Stati Uniti sono vicini per iniziare la lotta comune contro i terroristi dello Stato Islamico ad Aleppo. Ha auspicato che l'accordo contribuirà a garantire "la pace a questa terra afflitta dalla sofferenza e il ritorno delle persone alle proprie case."

    Nel 2013, durante i colloqui di Ginevra, la Russia era riuscita a convincere gli Stati Uniti della possibilità di una soluzione pacifica alla crisi in Siria, iniziata dopo l'uso di armi chimiche nei sobborghi di Damasco. Le parti avevano scongiurato l'intervento militare ed avevano concordato la distruzione delle armi chimiche siriane nella metà del 2014.

    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Armi chimiche, NATO, Sergej Shoigu, Bashar al-Assad, Vladimir Putin, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik