16:05 06 Dicembre 2019
Parlamento Europeo

Eurodeputati propongono sanzioni contro i paesi UE non solidali

CC BY 2.0 / European Parliament, Strasbourg / inyucho
Mondo
URL abbreviato
16213
Seguici su

La Germania è il principale benefattore dell’UE, mentre Repubblica Ceca e Polonia sono i principali riceventi. Per motivarli alla solidarietà gli eurodoputati hanno proposto di sanzionarli. Lo riporta il Deutsche Welle.

Secondo le ultime statistiche dell'UE, la Germania è il principale soggetto pagante del fisco europeo. Nel 2015 la Germania ha pagato 14,3 miliardi in più rispetto a tutti i fondi ricevuti da Bruxelles. Al contempo la Polonia ha ricevuto, invece, 9,4 miliardi in più di quanti ne ha pagato.

Alle spalle della Polonia, secondo la pubblicazione, ci sono la Repubblica Ceca (5,7 miliardi), la Romania (5,2 miliardi), la Grecia (4,9 miliardi) e l'Ungheria (4,6 miliardi). Oltre alla Germania, l'altro principale benefattore europeo nel 2015 è stato la Gran Bretagna.

Sui paesi europei che non dimostrano di avere una politica solidale l'UE può e deve esercitare la sua pressione, sostengono gli europarlamentari.

"Al momento della verifica del bilancio UE il governo tedesco deve ottentere la condotta solidale e rispettosa dei valori europei da parte dei paesi beneficiari, come Polonia e Ungheria", ha dichiarato l'europarlamentare Alexander Graf Lambsdorff al Deutsche Welle.

"I pagamenti ai paesi che non sia attengono al regolamento europeo o gli stati che non collaborano sufficientemente nell'accoglienza dei migranti devono essere ridotti", ha affermato il presidente del comitato europarlamentare per il controllo del bilancio Inge Grassle — citato dal Die Welt.

Nonostante le fratture nate in seno alla politica delle "porte aperte" di Angela Merkel, la Germania e i paesi della "vecchia Europa" continuano a non trovare un accordo con Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca che rifiutano categoricamente di accettare i migranti.

Correlati:

Ue, Tusk: il 18 incontro con Merkel per preparare vertice di Bratislava
Per ministro greco “UE non pronta a far saltare l'accordo su profughi con la Turchia”
La Svizzera ritira la richiesta di entrare nell’UE
Tags:
Sanzioni, solidarietà, fisco, Pagamenti, politica, Bilancio, finanziamenti, Unione Europea, Repubblica Ceca, Polonia, Germania, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik