04:41 11 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
180
Seguici su

Il ministro dell'Energia Novak: I prezzi sono a un livello più o meno normale, tra 45 e 50 dollari. Se cominciassero a scendere, questa possibilità potrebbe, molto probabilmente, sorgere

La Russia non vede attualmente prerequisiti per bloccare la produzione di petrolio, ma è pronta a discutere la questione se l'Organizzazione dei paesi esportatori di greggio (Opec) la solleverà.

Lo ha detto ministro dell'Energia della Federazione, Alexander Novak.

"Noi siamo sempre pronti per negoziati — ha spiegato —. Pertanto, se si presenta un tale bisogno i e paesi, in particolare l'Opec, discuteranno questo problema, anche noi saremo pronti. Non credo che i prerequisiti per questa ipotesi siano ancora pronti, considerando che i prezzi sono ad un livello più o meno normale, tra 45 e 50 dollari. Se cominciassero a scendere, questa possibilità potrebbe, molto probabilmente, sorgere — ha concluso —. Dovremo monitorare i prezzi fino al periodo invernale".

Correlati:

Russia, Aie: aumenta la domanda di petrolio russo nella prima metà del 2016
Medvedev: Bilancio russo 2017-2019 terrà conto di sanzioni e prezzi del petrolio
La Russia si appresta ad aprire la sua borsa del petrolio in rubli
Tags:
Petrolio, negoziati, OPEC, Alexander Novak, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook