03:56 07 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
14019
Seguici su

Il rappresentante permanente della Russia all’ONU, Evgenij Zagaynov, ha definito deprimente la situazione in Medio Oriente, in particolare in Siria, dove la scorsa settimana decine di civili sono rimate uccise nel corso degli attacchi aerei americani.

Intervenendo alla riunione del Consiglio di Sicurezza, Zagaynov ha espresso "seria preoccupazione" per la distruzione di scuole, ospedali e altre infrastrutture civili. Inoltre, il diplomatico ha notato i rischi dei conflitti armati per i bambini.

"Barbarie moderna. Solo così possono essere definiti i casi in cui i bambini diventano i bersagli degli attacchi intenzionali", ha detto Zagaynov.

"La situazione in alcuni paesi del Medio Oriente e del Nord Africa è deprimente. Solo nelle ultime settimane in Siria a causa degli attacchi aerei della coalizione USA decine di civili, tra cui donne e bambini, sono rimasti uccisi", ha spiegato il diplomatico russo.

Secondo il ministero degli Esteri siriano, in seguito agli ultimi bombardamenti nel villaggio di Ghandur sono stati uccisi 45 civili e altri 50 sono rimasti feriti. Secondo l'agenzia SANA, il bombardamento della coalizione USA del 19 luglio sul villaggio di Tuhan al-Kubra ha fatto oltre trecento morti civili.

Alla fine di luglio è stata resa nota la morte di decine di civili negli attacchi aerei su un villaggio a nord di Manbij, nella provincia di Aleppo.


In questo video si vedono i soccorsi ai feriti degli attacchi, condotti con armi chimiche:


La coalizione internazionale per la lotta al Daesh è stata istituito ad agosto 2014 ed è costituita da vari paesi. La direzione generale delle operazioni militari spetta agli USA.

Correlati:

Siria, Mosca: non abbiamo intenzione di lanciare offensiva su Aleppo
Peskov: bombe tossiche in Siria? Solo voci gonfiate
Russia, Giappone: L'operazione in Siria dimostra il successo nella riforma dell'esercito
Tags:
ISIS, bombardamenti, attacchi, Civili, Morti, lotta contro il terrorismo, Vittime, situazione in Medio Oriente, Situazione in Siria, Coalizione internazionale anti-Daesh, ONU, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook