07:18 22 Maggio 2019
Ex ambasciatore USA in Russia Michael McFaul

USA, McFaul: cyber-spionaggio russo raggiunge livelli impressionanti

© Sputnik . Alexei Filippov
Mondo
URL abbreviato
36216

Il potenziale della Russia nel campo dello spionaggio cibernetico raggiunge livelli estremamente elevati. Lo ha riferito l'ex ambasciatore degli USA a Mosca Michael McFaul al canale MSNBC.

"Per quanto riguarda la raccolta di informazioni attraverso internet, ma anche in molti altri modi, i russi hanno grandi possibilità. In questo hanno raggiunto un livello mondiale", ha dichiarato McFaul commentando il potenziale degli hacker russi.

Secondo l'ex diplomatico, negli USA non sanno in che direzione stanno agendo gli hacker in questo momento.

"Molti americani resterebbero scioccati dalle loro capacità", ha concluso McFaul.

Michael McFaul è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Russia dal 2012 al 2014. Precedentemente era stato assistente speciale di Obama per la sicurezza nazionale. Adesso l'ex ambasciatore è analista per un certo numero di canali televisivi americani e insegna presso la Stanford University.

In passato, il sito Wikileaks ha pubblicato la corrispondenza e-mail del Partito Democratico americano, da cui ne conseguiva che durante le primarie l'apparato di partito, di fatto, ha lavorato per Hillary Clinton. Lo staff dell'ex segretario di Stato ha accusato la Russia di aver violato il server, sostenendo che Mosca sta cercando di aiutare nelle elezioni il repubblicano Donald Trump.

Il portavoce del presidente russo, Dmitrij Peskov, ha definito tali accuse assurde e ha sottolineato che Mosca non ha alcun influsso sulle elezioni americane.

Correlati:

De Maiziere: la Russia è il principale responsabile dello spionaggio in Germania
Comandante NATO in Europa "insoddisfatto" dello spionaggio militare contro la Russia
La Germania ha accusato Russia, Cina e Iran di spionaggio
Tags:
Spionaggio, hacker, Hackeraggio, Informazioni, cyber-spionaggio, Informazioni riservate, violazioni, Michael McFaul, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik