22:25 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1271
Seguici su

I combattenti dei gruppi armati ad est di Aleppo si sono spaccati in 2 schieramenti: da una parte c'è chi vuole arrendersi, dall'altra chi intende continuare la lotta, ha detto a RIA Novosti il ministro della Riconciliazione nazionale Ali Haidar.

"Secondo le informazioni che ci arrivano, i vari gruppi ribelli conducono costantemente trattative tra di loro. Alcuni vogliono deporre le armi, altri insistono nel combattere. I negoziati non sono ancora terminati", — ha riferito il ministro.

Secondo Haidar, solo pochi uomini hanno deposto unilateralmente le armi e si sono arresi, a prescindere dalla posizione belligerante del gruppo di appartenenza.

"Tra le autorità siriane e i ribelli ad Aleppo non ci sono negoziati diretti. Non abbiamo ancora raggiunto questa fase. Al momento il discorso riguarda singoli casi, non di interi gruppi", — ha aggiunto il ministro.

Ha inoltre detto che ad Aleppo è stata istituita una task force guidata dal governatore per assicurare tutto il necessario ai civili e alle persone che vogliono sfruttare la possibilità di ritornare ad una vita civile normale.

Correlati:

Casa Bianca scettica sui corridoi umanitari di Russia e Siria ad Aleppo
Siria, esercito governativo respinge controffensiva islamisti ad Aleppo
Siria, Russia preoccupata da mancata dissociazione tra opposizione e islamisti ad Aleppo
Ad Aleppo esercito siriano respinge maxi offensiva degli islamisti
Tags:
Opposizione siriana, Esercito della Siria, Ali Haidar, Aleppo, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook