Widgets Magazine
09:57 26 Agosto 2019
Mosca e Trieste

Com'è bello far del bene da Trieste a Mosca

Mondo
URL abbreviato
Riccardo Pessarossi
1210

Da Trieste a Mosca, l' avventura di tre amici che percorreranno 2900 km in bicicletta per aiutare i bambini orfani russi.

Si chiama "Ride to Moscow" ed è una maratona in bicicletta pensata per aiutare i bambini degli orfanotrofi russi. Partita da Trieste — Ronchi dei Legionari il 29 luglio, si concluderà dopo 2900 km, 17 tappe e 7 paesi attraversati, il 14 agosto, quando i tre amici Alessandro Ferraris, Paolo Ferraris e Arturo Giustina sono attesi in sella alle loro biciclette nella Piazza Rossa di Mosca.

Lo scopo principale delle pedalate dei tre "ragazzi" friulani è quello di raccogliere fondi per il progetto "Viaggio nella vita" che prevede la costruzione a Mosca di un centro di formazione per i ragazzi orfani dai 12 ai 18 anni, che li segua nel difficile percorso di ingresso nel mondo adulto.

Come spiega Paolo Ferraris, presidente del fondo "GEOforCHILDREN", il progetto prende spunto da un esperienza personale:

"Il nostro fondo è nato nel 2013 al termine del percorso che io e mia moglie Valeria abbiamo intrapreso per adottare il piccolo Roman, un bambino di un orfanotrofio di Mosca. Lui non è stato la fine, ma l'inizio della nostra storia. L'idea di creare l'associazione Geo for children ci è venuta per continuare a dare una mano a tutti gli altri bambini che vivono negli orfanotrofi. Visitando le strutture di Mosca e della Russia ci siamo accorti che sono soprattutto i più grandi, dai 12 anni in su, che hanno bisogno di aiuto per crescere ed entrare nella vita vera, anche se gli manca il contatto con la famiglia. Parlando con i miei amici Arturo e Roberto ci siamo inventati queste quattro pedalate dal Friuli a Mosca per dare una spinta alla nostra idea"

La partenza di Ride to Moscow da Ronchi dei Legionari
© Foto : Eoipso Ufficio Stampa
La partenza di Ride to Moscow da Ronchi dei Legionari

L'idea è diventata realtà e dopo mesi di duri allenamenti i tre sono ora in viaggio attraverso l'Europa fino al cuore della Russia, percorrendo circa 160 km al giorno. Comunque lo si chiami, viaggio, velo-vacanza, o impresa sportiva estrema RIDE TO MOSCOW unisce simbolicamente Italia e Russia all'insegna della solidarietà per il prossimo, come sottolinea Valeria Andreeva, moglie di Paolo e coordinatrice del progetto di beneficienza:

"Noi non siamo potenti, siamo persone comuni. Non possiamo cambiare il mondo, ma crediamo di poter e dover fare qualcosa di buono per gli altri, anche per chi non si conosce e vive a centinaia o migliaia di chilometri di distanza, perché la solidarietà non conosce confini."

Il percorso della corsa è diviso in 17 tappe. Nella prima, da Trieste a Lubiana, i tre benefattori sono stati accompagnati da decine di cicloamatori. Ogni giorno sarà possibile seguire la loro avventura giorno dopo giorno sule pagine Facebook, Instagram e Youtube di #RIDETOMOSCOW.

Partiti!!!! Direzione Gorizia! E poi via in Slovenia! Here they are!!

Опубликовано Geoforchildren 29 июля 2016 г.

Nell'ultima tappa, il 14 agosto, saranno i cicloamatori russi a scortare Paolo, Arturo e Roberto fino al traguardo sulla piazza Rossa, prima della festa conclusiva che si svolgerà al parco Gorky di Mosca.

Correlati:

Quarant'anni dal trattato di Osimo, Trieste e nuove indipendenze
Da Capri a Trieste, porti italiani in vendita
Tags:
Solidarietà, Geoforchildren, Trieste, Mosca
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik