10:04 17 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 19°C
    Caccia russo Su-35 durante raid in Siria (foto d'archivio)

    Mosca avverte USA: non responsabili se colpite basi coalizione in Siria

    © Foto: Ministry of Defence of the Russian Federation
    Mondo
    URL abbreviato
    73166662

    I vertici della coalizione internazionale anti-Daesh guidata dagli USA sono i soli responsabili se le loro forze in Siria corrono il rischio di ritrovarsi nelle zone bersaglio dei raid aerei russi, ha affermato il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

    In precedenza il "Wall Street Journal", riferendosi a fonti nel Pentagono e nella Casa Bianca, aveva segnalato che lo scorso 16 giugno i caccia-bombardieri russi avevano attaccato una base segreta di truppe britanniche e americane d'elite nel villaggio di Al-Tanf, situato al confine con la Giordania.

    Konashenkov ha osservato che il dicastero militare russo costantemente e attraverso tutti i canali disponibili invita i partner a fornire le coordinate delle posizioni dei gruppi armati dell'opposizione moderata da loro controllati.

    Ma al contrario a fatti compiuti si sentono accuse contro l'aviazione russa sul fatto che "non era necessario" colpire alcune aree o obiettivi.

    Il portavoce del ministero della Difesa ha aggiunto che, anche dopo il raid contro la base di Al-Tanf dai partner americani risuonava la frase: "non colpite là dove avete appena attaccato!".

    "Inoltre, secondo l'articolo del Wall Street Journal, i nostri piloti prima di colpire dovrebbero accertarsi da un'altezza di migliaia di metri della presenza tra i combattenti delle forze speciali dei Paesi occidentali rilevando "sacchi di sabbia, tipici delle basi "americane e britanniche"," — ha commentato sarcasticamente il portavoce.

    Konashenkov è convinto che ci sia un modo più semplice per risolvere il problema:

    "i nostri partner devono passare dalle parole ai fatti ed avviare azioni comuni contro i gruppi terroristici internazionali in Siria."

    Correlati:

    Russia si aspetta da USA migliore coordinamento nella lotta contro il Daesh
    Siria, Washington “costretta” a collaborare con la Russia
    Washington Post: Obama propone a Russia accordo su lotta terrorismo in Siria
    Wall Street Journal sicuro, concessioni Kerry su Siria fermeranno sanzioni contro Russia
    Stratfor: USA faranno concessioni alla Russia nel nuovo accordo sulla Siria
    Tags:
    Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Opposizione siriana, raid della Russia in Siria, Daesh, ministero della Difesa della Federazione Russa, Coalizione USA anti ISIS, Igor Konashenkov, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik