04:20 29 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
4255
Seguici su

La due volte campionessa olimpica Elena Isinbaeva crede che la decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport sul ricorso del Comitato olimpico russo abbia sancito la morte dell’atletica leggera.

"Grazie a tutti per i funerali dell'atletica leggera, è chiaramente un ordine politico. Tutti gli argomenti sono stati diretti contro la Federazione nazionale di atletica leggera, mentre nulla di concreto contro gli atleti, una montatura manifesta. Questo non è sport; questa è politica. Puo essere scritto a lettere maiuscole. Ma noi atleti non abbiamo abilità politiche. Possano gioire ed esultare", ha dichiarato la Isinbaeva.

La pluricampionessa mondiale Elena Isinbayeva sul suo profilo instagram aveva commentato così la notizia dell'esclusione:

"La speranza c'era, ma è svanita. E che ora tutti questi atleti stranieri pseudo-puliti tirino un sospiro di sollievo e vincano pure le loro pseudo medaglie d'oro senza di noi. La forza altrui ha sempre fatto paura"

 

Correlati:

Olimpiadi, il CIO non ha preso alcuna decisione sugli atleti russi
Olimpiadi Rio, la Cina invia la sua più grande squadra di sempre: 416 atleti
La IAAF include formalmente gli atleti russi alle Olimpiadi di Rio
Tags:
atletica leggera, esonero, commento, Olimpiadi - Rio de Janeiro 2016, Tribunale Arbitrale per lo Sport di Losanna - TAS, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook