16:31 21 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1210
Seguici su

L'agenzia antidoping mondiale WADA presenta il report indipendente sul doping in Russia.

Il CIO pensa a delle sanzioni contro le persone o le organizzazioni coinvolte nello scandalo doping

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha promesso che verranno prese delle misure molto pesanti nei confronti della Russia.

"Le conclusioni di questa relazione mostrano un attacco scioccante e senza precedenti contro l'integrità dello sport e dei Giochi Olimpici. Per questo motivo il CIO non esiterà ad adottare le sanzioni più dure possibili contro ogni individuo o organizzazione coinvolti" — si legge in una nota ufficiale pubblicata sul sito del Comitato Olimpico Internazionale.

La Russia farà ricorso contro la commissione WADA 

La Russia difenderà i suoi interessi e farà ricorso contro la decisione della WADA. Lo ha dichiarato il capo della commissione sport della Duma, Dmitriy Svishev.

«Dobbiamo assolutamente fare ricorso e difendere i nostri interessi fino alla fine. Dobbiamo anche utilizzare tutti i canali della diplomazia sportiva, dialogando con tutte le federazioni" — ha detto Svishev 

Secondo l'agenzia mondiale Antidoping — WADA — il sistema statale di copertura del doping agli atleti russi è stato in vigore durante tutti i massimi eventi organizzati in Russia negli ultimi anni: le Universiadi di Kazan 2013, i Giochi Olimpici di Sochi 2014, i campionati mondiali di nuoto del 2015.

La commissione della Wada non darà indicazioni al Comitato Olimpico Internazionale sulla partecipazione della Russia ai Giochi di Rio 2016

"La nostra consegna era di indigare e conoscere i fatti. Per questo motivo non abbiamo nessuna raccomandazione da fare. Chi sarà chiamato a prendere delle decisioni potrà farlo basandosi sui dati della nostra relazione" — ha dichiarato Richard McLaren, medico incaricato dall'agenzia mondiale antidoping WADA di svolgere l'indagine.

La Russia non sarà esclusa dai Giochi di Rio 2016

Il membro onorario del Comitato Olimpico Internazionale, Vitaly Smirnov, ritiene che la relazione della WADA riguardo le violazioni delle norme antidoping alle Olimpiadi di Sochi non porterà ad una squalifica della nazionale russa dai Giochi Olimpici di Rio:

«Questo non succederà, ma si tratta di un approccio non costruttivo e tutti i boicottaggi sono stati assurdi. Purtroppo lo sport è una grande tentazione per chi vuole ottenere dei benefici politici od altro tipo di dividendi. Lo sport deve essere pulito." — ha detto Smirnov.

 

 


Correlati:

Doping, Cio invita Wada a convocare conferenza straordinaria nel 2017
Sport, Russia pronta a cooperare con Cio e Wada per lotta contro doping
Tags:
doping, CIO, Canada
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook