01:01 03 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
2108
Seguici su

L'attentato terroristico di Nizza è la conseguenza della partecipazione della Francia alle operazioni militari in Libia del 2011 per rovesciare il regime di Muammar Gheddafi. Lo ha riferito in un'intervista al canale RT il deputato britannico Daniel Kawczynski.

«Mi sembra molto importante la questione libica. Nel 2011 Francia e Gran Bretagna hanno condotto delle operazioni congiunte laggiù per fermare Gheddafi ed evitare spargimenti di sangue tra la popolazione. Penso che ne il governo francese, ne quello britannico fossero preparati a questa campagna in modo adeguato. E adesso dobbiamo fare i conti con le conseguenze», ha dichiarato Kawczynski.

Secondo il parlamentare britannico, i due paesi avrebbero dovuto continuare a collaborare al fine di riportare pace e stabilità in Libia il più presto possibile.

«Capisco che Siria ed Iraq sono pure delle importanti zone del conflitto. Ma la Libia è geograficamente più vicina all'Europa e di fatto il paese è un corridoio per chi voglia raggiungere clandestinamente l'Europa. Francia e Gran Bretagna devono coalizzarsi e prendere delle misure decisive per riportare l'ordine in Libia», ha aggiunto Kawczynski.

All'operazione Odyssey Dawn in Libia hanno preso parte Gran Bretagna, Francia, USA, Canada, Italia e Spagna. I primi bombardamenti sono stati effettuati dai caccia francesi.

Giovedì sera un terrorista alla guida di un camion si è lancianto sulla folla riunitasi sulla Promende des Anglais di Nizza per assistere allo spettacolo pirotecnico in celebrazione della festa nazionale. Secondo i testimoni oculari ha percorso quasi due chilometri procedendo a zig-zag per mietere il maggior numero di vittime. Il terrorista è stato freddato dalla polizia. Il presidente francese Francois Holland lo ha subito definito "attentato terroristico. Il bilancio della strage è di 84 morti.

 

Correlati:

Le Figaro: strage di Nizza e le istruzioni del Daesh
Strage di Nizza, il racconto di una testimone russa
Nizza, Alfano: rafforzata vigilanza dei siti sensibili
Tags:
Attentato terroristico, Operazioni militari, Terrorismo, attentato a Nizza, crisi in Libia, Lotta al terrorismo, Muammar Gheddafi, Libia, Gran Bretagna, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook