04:11 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

    National Interest: gli USA non potrebbero sostenere una guerra contro la Russia

    © Foto: Pubblico dominio
    Mondo
    URL abbreviato
    9406

    Gli USA contano sulla loro superiorità tecnologica in caso di un conflitto su vasta scala, tuttavia l’attuale situazione economica non permetterebbe a Washington di entrare in guerra con un paese come la Russia. Lo riporta il National Interest.

    Se l'esercito americano cercasse di attaccare la Russia dal Mar Baltico, dovrebbe vedersela con decine di missili antinave a lungo raggio, sottomarini, sommergibili a controllo remoto, sistemi missilistici terra-aria trasportabili e missili alati. Al Pentagono toccherà approntare una dispendiosa campagna bellica per cielo e per mare per ottenere la supremazia militare.

    Anche se gli USA ci riuscissero, l'esercito americano sarebbe costretto ad affrontare un'altra difficoltà: per occuppare il territorio del paese più grande del mondo servono molte forze e risorse. In più la Russia dispone di abbondanti basi economiche per inviare le stesse forze negli USA.

    Per giunta Washington si trova adesso in una situazione economica particolarmente disastrosa. Negli ultimi sette anni il debito americano è cresciuto al livello della seconda guerra mondiale, inoltre gli USA sono stati costretti a prendere in prestito delle somme per realizzare i propri impegni che superano l'intero bilancio della difesa. In queste condizioni gli USA non sarebbero in grado di sostenere un conflitto con la Russia perché costerebbe ai contribuenti americani dai 3 ai 5 trilioni di dollari.

    Correlati:

    National Interest: l’agonia dell’esercito USA
    La Russia è in grado di superare gli USA nel mercato delle armi?
    Per agenzia di rating cinese la Russia è meglio degli USA
    Tags:
    Risorse finanziarie, Conflitto, Opinioni della stampa, Guerra, The National Interest, Pentagono, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik