15:38 25 Giugno 2018
A pedestrian walks past a wooden blockade built by Greenpeace activists at the main entrance of a conference center where negotiators are expected to discuss the 12th Round of the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) in Brussels, Belgium, February 22, 2016.

Dopo la Brexit il TTIP sembra quasi impossibile

© REUTERS / Francois Lenoir
Mondo
URL abbreviato
9201

I risultati del referendum sulla Brexit hanno ripercussioni anche sul TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership). Molti osservatori ritengono che il documento non sia stato firmato, così come nella leadership politica dell'Europa e degli Stati Uniti è notevolmente aumentato il numero dei suoi avversari.

Berlino e le altre capitali europee sono sicure che la prossima l'uscita della Gran Bretagna dall'UE riduce drasticamente le possibilità di un accordo. Negli ultimi mesi l'UE è stata occupata con la questione della Brexit, e gli accordi per lo sviluppo del TTIP sono passati automaticamente in secondo piano. La situazione sarà chiarita nel corso del nono round di colloqui transatlantici sul TTIP dall'11 al 15 di luglio, anche se in queste riunioni saranno discusse le questioni puramente tecniche.

Le posizioni di Europa e USA sono divergenti ancora sulla maggior parte delle questioni: dalla tutela dei diritti degli investitori all'assegnazione degli appalti pubblici e il rispetto delle norme di consumo. Si è riuscito a raggiungere il consenso soltanto nei riguardi delle piccole e medie imprese. È opinione comune che le barriere commerciali dovranno essere abolite del 97%. Ma le principali differenze rimangono sul settore agricolo e l'industria automobilistica.

L'ostacolo è l'accesso delle imprese europee agli appalti pubblici negli USA. Questo settore genera il 12% del PIL degli USA e tutte le leggi stanno dalla parte degli imprenditori nazionali; le imprese estere non hanno alcuna possibilità. L'Europa ha cercato senza successo anche di difendere il patrimonio intellettuale e i diritti sociali dei lavoratori. Gli USA hanno negato la protezione anche di marchi geografici nazionali come lo Champagne e il Prosciutto di Parma.

Il commissario europeo per il Commercio Cecilia Malmström continua a insistere sul fatto che il contratto alla fine sarà firmato, ma in ogni caso non accadrà quest'anno: ci vorrà troppo tempo per conciliare tutte le discordanze giuridiche ed economiche.

Il TTIP incontra una forte resistenza al Parlamento europeo, senza la cui l'approvazione tale accordo non potrà entrare in vigore. I socialdemocratici e i verdi rifiutano apertamente l'accordo; mentre il centro-destra è favorevole. A loro avviso l'accordo è necessario in quanto il ruolo dell'UE è in costante calo di fronte alla crescita di potenze economiche come la Cina o l'India; la Brexit ha rafforzato questa necessità.

Nel frattempo, sulla strada dell'integrazione commerciale atlantica è sorto nuovo problema: la Commissione europea intende adottare l'accordo di libero scambio con il Canada (CETA) senza l'approvazione dei parlamenti nazionali. A Bruxelles ritengono che la ratifica di tali documenti spetti solo al Parlamento europeo.

Correlati:

Parigi: impossibile chiudere accordo TTIP con USA
La Germania compra Monsanto – e vende il TTIP all’Europa
Capo diplomazia Belgio pessimista su accordo TTIP prima scadenza mandato Obama
Tags:
Cooperazione economica, Accordo, commercio, Cooperazione, TTIP, Europa, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik