08:07 27 Giugno 2019
Brexit

Brexit, i 27 Stati membri: No a negoziati prima della notifica di Londra

© AFP 2019 / EMMANUEL DUNAND
Mondo
URL abbreviato
101

Nella bozza del documento che conterrà la presa di posizione formale dei 27 Paesi riuniti a Bruxelles la conferma della linea Juncker.

Jean-Claude Juncker
© AFP 2019 / Frederick Florin
No notification, no negotiation. Dalle stanze in cui sono riuniti a Bruxelles i rappresentanti dei 27 Stati membri della Ue arrivano conferme alle parole pronunciate ieri da Jean Claude Juncker, che aveva chiuso categoricamente a qualsiasi tipo di trattativa, comunitaria o di un singolo Stato, con il Regno Unito.

La bozza del documento con cui l'Unione si presenterà al Consiglio Europeo di oggi contiene infatti, prima di ogni altra considerazione, la conferma che nessun negoziato potrà essere avviato prima della notifica della Brexit da parte di Londra.

"Per organizzare il ritiro, spetta al governo britannico, appena sarà pronto a farlo, notificare al Consiglio Europeo".

Così nella bozza della dichiarazione finale i discussione a Bruxelles, in un testo in cui è sottolineato il "profondo dispiacere" ed il "rispetto" per l'esito del referendum, ma anche le responsabilità dell'Ue sul fallimento del progetto europeista britannico, descrivendo la necessità per l'Unione di fare di più in tema di "sicurezza, prosperità e prospettive di un futuro migliore". 

Correlati:

Il piano Draghi per il post Brexit
Mosca e Londra dovranno rivedere il quadro normativo bilaterale dopo Brexit
Brexit. Dal nazismo all'Isis: tutte le incredibili bufale della stampa italiana
Tags:
Brexit, Consiglio Europeo, Jean-Claude Juncker, Gran Bretagna, Bruxelles, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik