07:32 18 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

A riferirlo il ministro dei Porti e della navigazione di Atene che ha spiegato come la misura sia necessaria per decongestionare l'area. A oggi i profughi presenti nei centri di accoglienza greci sarebbero oltre 57 mila.

La crisi dei migranti non conosce sosta. Le autorità di Atene hanno comunicato l'intenzione di sgomberare il porto del Pireo e l'area dell'ex aeroporto di Elliniko, vicino la capitale dell'Ellade, entro il prossimo 20 luglio.

La conferma è arrivata nelle scorse ore dal ministro dei Porti e della navigazione greco, Thodoris Dritsas, come riportato da diversi organi di stampa locali. Il ministro ha spiegato l'operazione come un tentativo di decongestionare l'area e per renderla nuovamente agibile per i traffici di merci ma soprattutto per garantire maggiore efficienza nella gestione del territorio.

Dristas in conferenza stampa ha ringraziato l'operato della Guardia costiera greca per "l'eccellente lavoro" messo in campo nel salvataggio dei circa 150 mila tra rifugiati e migranti tratti in salvo dopo esser giunti sulle coste elleniche da quando è scoppiata la crisi umanitaria, ma soprattutto dopo l'ingente numero di persone in fuga a causa dalla chiusura della cosiddetta rotta balcanica.

Adesso bisognerà capire dove e in che modo le autorità nazionali ricollocheranno i migranti che, secondo quanto riportato dai media locali, sarebbero oltre 57 mila in totale presenti nei centri di accoglienza sparsi sul territorio greco.    

Correlati:

Sondaggio: i migranti dividono la società europea
Migranti, 5mila persone salvate e in arrivo sulle coste italiane
Guterres: la Russia dovrebbe accogliere i migranti
Balcani, vertice ministri degli Esteri Ince su rilancio infrastrutture e migranti
Tags:
Crisi dei migranti, sgombero, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook