16:07 21 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    Presidente Erdogan

    Le scuse di Erdogan a Putin commentate dai media internazionali

    © AFP 2017/ Kayhan Ozer
    Mondo
    URL abbreviato
    213119251

    Lunedì 27 giugno il presidente della Turchia, Recep Erdogan, ha inviato a Vladimir Putin una lettera di scuse per la morte del pilota del caccia russo abbattuto nel cielo della Siria dall’aeronautica militare turca. Immediata è stata la reazione della stampa.

    Una serie di operatori mediatici ritengono che Erdogan negli ultimi anni abbia condotto la Turchia all'isolamento, ma le scuse nei confronti della Russia sono il tentativo di ammorbidire la tensione nei rapporti internazionali creata da Ankara.

    A tal proposito il Washington Post scrive che "uno dei leader più autoritari nella regione" è responsabile dei conflitti in politica estera che si sono accumulati negli ultimi tempi.

    Il passo fatto da Erdogan è un "evento significativo", secondo l'Atlantic, nonché il tentativo della Turchia di "uscire dall'isolamento".

    Molti articoli notano che Erdogan ha deciso di scusarsi con la Russia, basandosi sul "tornaconto geopolitico", in quanto la Russia è un importante giocatore nei processi politici internazionali moderni, tra i quali la risoluzione del conflitto siriano, nell'interesse del presidente turco.

    "Non c'è cosa al mondo che Erdogan odia di più di quando lo si offende e questo giustifica la sua condotta. I passi di Erdogan per la normalizzazione delle relazioni con il Cremlino avvengono sullo sfondo delle crescenti minacce alla sicurezza nel Medio Oriente da parte del Daesh", scrive il Foreign Policy.

     

    Il Foreign Policy collega la decisione del presidente turco all'indebolimento delle relazioni di Ankara con i paesi europei che ha ulteriormente isolato la Turchia dai processi internazionali. La pubblicazione riporta come esempio il recente riconoscimento della Germania del genocidio armeno commesso dall'Impero Ottomano nel 1915.

    Al Jazeera scrive che per Erdogan "i vantaggi della normalizzazione dei rapporti con la Russia" sono superiori alla "umiliazione delle scuse".

    Un'altro motivo che ha spinto il capo di stato turco a scusarsi con Mosca, secondo i giornalisti, è la rilevante influenza delle sanzioni russe. "La rimozione delle misure restrittive ha un'importante significato per Erdogan che si è ritrovato sotto pressione sia all'interno del proprio paese che oltre i suoi confini", scrive Fox News.

    La stessa tesi è stata sposata dal Financial Times, evidenziando che l'attuale crisi turca è la peggiore dal 1999 e che ad Erdogan non restava altra scelta.

     

    Correlati:

    Erdogan chiede scusa alla Russia e Putin per abbattimento aereo in Siria
    Russia-Turchia, Ankara: Progressi nella normalizzazione delle relazioni
    Russia-Turchia, vice premier turco: Pronti a sviluppare relazioni con Mosca
    Tags:
    Mass media, geopolitica, commento, Media, Relazioni Russia-Turchia, Crisi Turchia-Russia, Recep Erdogan, Vladimir Putin, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik