18:51 19 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
2150
Seguici su

Con l'inizio dell'afa estivo non è facile per i passeggeri che usano la metropolitana e l'amministrazione della metro ne è consapevole, scrive "Moslenta". I lavoratori della metropolitana ogni giorno lavorano per salvare 10 milioni di passeggeri dai colpi di calore e dalla mancanza di aria.

Le stazioni più calde della metropolitana di Mosca sono considerate 37. Nella fermata "Yuzhnaya"(in russo Yuzhnaya significa "meridionale") martedì è stata registrata la temperatura record di 28°: i giornalisti hanno notato la coincidenza del nome della stazione con questa situazione.

Il controllo della temperatura viene condotto su tutte le 200 fermate della metropolitana, ha dichiarato il portavoce del gestore della metro della capitale russa Andrey Kruzhalin.

"In 30 stazioni sono stati installati sensori che trasmettono in tempo reale al Centro di controllo, — ha detto. — Sulle altre stazioni effettuiamo rilevazioni 5 volte al giorno".

Martedì la stazione più fresca è stata la fermata "Arbatskaya" della linea Arbat-Pokrovskaya. La temperatura registrata era di 16,7°. La temperatura più confortevole per i passeggeri della metropolitana oscilla tra i 24° e 26° e si cerca di mantenerla.

In caso di eccessivo calore ci sono istruzioni ad hoc. Se la temperatura si mantiene sopra i 28° per più di quattro ore, ai passeggeri vengono distribuite bottigliette d'acqua. Nella fermata "Yuzhnaya" hanno cominciato a distribuire l'acqua tra i passeggeri subito, senza aspettare.

"C'era acqua a sufficienza per garantire il comfort dei passeggeri in caso di superamento del valore limite di 28°," — ha osservato il portavoce della metropolitana moscovita.

Nelle stazioni, oltre all'acqua, per i passeggeri sono stati preparati ventagli e salviettine umidificate. "Ventagli e salviette verranno distribuiti in punti che si trovano sulla linea a cerchio e in parte delle stazioni centrali. Sono gratuiti," — ha detto.

Il personale della metropolitana è stato addestrato nel caso in cui qualcuno dei passeggeri accusi un malore. "Tutti i dipendenti della metropolitana hanno seguito un corso prima della stagione estiva per fornire primo soccorso in caso qualcuno dei passeggeri si senta male. Immediatamente hanno l'ordine di chiamare il pronto soccorso," — afferma Kruzhalin.

Per mantenere una temperatura confortevole nelle stazioni vengono lasciate aperte le porte d'ingresso della metropolitana. "Di notte in 37 stazioni della metropolitana di Mosca utilizziamo il sistema di ventilazione notturna. Apriamo le porte d'ingresso, in modo che circoli l'aria," — ha detto il portavoce della metropolitana.

La stazione della metropolitana di Mosca Komsomol'skaya.
© Sputnik . Ruslan Krivobok
La stazione della metropolitana di Mosca "Komsomol'skaya".
"Come esperimento nelle stazioni più calde, come "Yuzhnaya", "Kuznetsky Most" e "Dmitrovskaya", installeremo le serrande per non tenere aperte le porte di notte. Queste serrande attraverso le fessure fanno passare l'aria fresca della notte, in modo che la temperatura della stazione sia confortevole. Da oggi abbiamo iniziato il montaggio", — ha detto.

Nel prossimo futuro verrà aggiornato il vecchio sistema di ventilazione nelle stazioni, ha assicurato. "Stiamo continuando il programma di ammodernamento. Entro il 2020 tutte le apparecchiature di ventilazione verranno sostituite", — ha detto Kruzhalin.

Non si ha intenzione di risparmiare nella lotta contro il caldo e il fresco nei vagoni viene assicurato dai condizionatori in funzione a pieno regime per tutto il percorso. Problemi con la ventilazione possono determinare la rimozione di una carrozza.

"Se improvvisamente nel vagone non funziona l'aria condizionata, è necessario informare il macchinista o uscire e avvertire il Centro di controllo tramite i telefoni predisposti per le chiamate di emergenza", — ha raccontato Kruzhalin.

Correlati:

Una passeggiata nel parco di Kolomenskoe
Cerimonia del cambio della guardia al Cremlino di Mosca
Tags:
metropolitana, afa, Andrey Kruzhalin, Mosca
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook