15:44 16 Dicembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 4°C
    German Chancellor Angela Merkel gives a speech during a debate at the Bundestag

    Brexit: la colpa è di Angela Merkel

    © REUTERS/ Fabrizio Bensch
    Mondo
    URL abbreviato
    16110

    I britannici hanno voltato le spalle all’Unione Europea, temendo la più vasta migrazione di massa dai tempi dell’invasione degli Angli e dei Sassoni. Lo ha scritto l'editorialista dell’Atlantic David Frum.

    Secondo Frum, la scelta di abbandonare l'UE dimostra che gli inglesi sono ben consapevoli che il loro paese è pieno zeppo. Sulla politica migratoria britannica influiscono in egual misura sia l'UE che la stessa Londra, ma un ruolo importante nella scelta dei cittadini è stato giocato dalla sfiducia verso le élite europee, che non hanno fatto abbastanza per proteggere le loro popolazioni dagli effetti negativi della globalizzazione. Al contrario, alcuni leader hanno fatto molto nella direzione opposta.

    «Se c'è stato qualcuno che ha spinto la Gran Bretagna ad uscire dall'UE, altri non può essere se non Angela Merkel con la sua individuale e impulsiva decisione di aprire le porte della Germania e poi di tutta l'Europa a 1,1 milioni di migranti del Medio Oriente e dell'Africa del Nord», sostiene Frum.

    Secondo il Servizio nazionale di statistica del Regno Unito, nel 2015 si sono stabiliti nel paese 630.000 cittadini stranieri. In 25 anni (1990-2015) la popolazione è aumentata da 57 a 65 milioni e livello delle nascite è inferiore a quello  sotto del livello di rimpiazzo. A questo ritmo entro il 2026 la popolazione del Regno Unito supererà i 70 milioni e la metà della crescita sarà determinata dai migranti.

     

    La migrazione aggiunge carico alle scuole, agli ospedali e gonfia il mercato immobiliare: il prezzo medio delle abitazioni a Londra è quasi dodici volte lo stipendio medio, nota Frum. Sovente la colpa è dei migranti ricchi che hanno interrotto l'offerta agli acquirenti locali. Nel complesso, più di 200 mila persone nate nel Regno Unito ogni anno si trasferiscono in Australia e negli Stati Uniti, nella speranza di un futuro più promettente.

    Correlati:

    "La Brexit permetterà alla Russia di migliorare i rapporti con Londra"
    Brexit aprirà le porte ad altri referendum?
    Brexit, Tusk: Momento politicamente drammatico
    Tags:
    Conseguenze del referendum, Referendum, Crisi dei migranti, Migranti, Brexit, Unione Europea, Angela Merkel, Germania, Gran Bretagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik