01:08 20 Settembre 2018
Mezzo corazzato dell'esercito egiziano

Difesa, Egitto e Francia fanno prove di coordinamento militare nel Mediterraneo

© AP Photo /
Mondo
URL abbreviato
111

Sono iniziate nelle scorse ore le esercitazioni via mare tra i due Paesi all'interno del programma Cleopatra 2016. Alle manovre prenderà parte per la prima volta la nave da guerra classe Mistral, consegnata al governo de Il Cairo lo scorso 2 giugno durante la cerimonia di inaugurazione avvenuta nella città francese di Saint Nazaire.

Implementare la cooperazione marittima nelle operazioni militari tra i due Paesi. É l'obiettivo principale delle esercitazioni congiunte tra Egitto e Francia iniziate nelle scorse ore nel Mediterraneo in seno al programma chiamato Cleopatra 2016.

"Le manovre fanno parte di un piano di formazione reciproca con i paesi amici per aumentare la cooperazione militare e condividere conoscenze ed esperienze", ha spiegato il generale Mohamed Samir, portavoce delle Forze armate, in un comunicato diffuso da ministero della Difesa egiziano.

Tra le novità introdotte nelle esercitazioni di quest'anno, l'utilizzo per la prima volta della nave da guerra Mistral, "Gamal Abdel Nasser", chiamata così in onore del secondo presidente della storia della Repubblica egiziana. L'imbarcazione era stata consegnata ufficialmente alla Marina egiziana lo scorso 2 giugno durante una cerimonia avvenuta ai cantieri navali di Saint Nazaire in Francia, alla quale aveva partecipato anche il ministro della Difesa egiziano Sedqi Sobbhi. La nave — in grado di ospitare a bordo 16 elicotteri, 4 aerei e 13 carri armati —,  parteciperà alla manovre in mare il prossimo 23 giugno, giorno in cui è previsto il suo arrivo nel porto di Alessandria.

L'accordo tra le due parti per l'acquisto della Mistral, raggiunto in occasione della visita del premier francese Manuel Valls a Il Cairo, prevede anche un'altra base navale portaelicotteri che dovrebbe essere consegnate entro la fine del 2016.

Tags:
Esercitazioni, Francia, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik