15:45 21 Gennaio 2018
Roma+ 16°C
Mosca-2°C
    Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi

    Egitto, Consiglio di Stato blocca cessione delle isole Tiran e Sanafir ai sauditi

    © REUTERS/ Tiksa Negeri
    Mondo
    URL abbreviato
    160

    I giudici hanno bocciato l'accordo raggiunto lo scorso aprile tra il presidente al Sisi e il re Salman durante la sua visita al Cairo. Una decisione che ha scatenato nelle ultime settimane le proteste di centinaia di attivisti contrari al ricollocamento delle due isole, considerate strategiche nelle scenario mediorientale.

    Nuova tegola sugli interessi del Regime di al Sisi. Il Consiglio di Stato egiziano ha bocciato l'accordo per la cessione all'Arabia Saudita delle isole sul Mar Rosso di Tiran e Sanafir, raggiunto lo scorso aprile dal monarca Salman, durante la plebiscitaria visita a Il Cairo, e il presidente Abdel Fattah al Sisi. Un'intesa, promossa dal re saudita in cambio di un maxi-piano di investimenti nel Paese, che ha portato diversi momenti di tensione all'interno di una parte dell'opinione pubblica nazionale, contraria alla cessione delle due isole perché considerate strategiche nello scenario geopolitico mediorientale e per il valore storico da esse rivestito.

    Ad annunciare la bocciatura dei giudici amministrativi in un post su Facebook, è stato l'avvocato ed ex candidato alle presidenziali, Khaled Ali, che aveva portato il caso davanti alla giustizia amministrativa del Cairo. L'organo giudicante aveva prima chiesto a una commissione di esperti di verificare e confermare l'effettiva sovranità sulle due isole per poi arrivare alla decisione di oggi.

    Dal canto suo il Governo aveva fatto sapere nei giorni scorsi di considerare il tribunale amministrativo incompetente nel giudizio in una simile materia, in quanto il protocollo d'intesa tra i due Paesi era stato già rimandato al voto della Camera dei rappresentanti, organo con il quale non è possibile interferire.

    La cessione delle isole di Tiran e Sanafir era stata ratificata lo scorso aprile, innescando una serie di proteste da parte di gruppi di attivisti scesi in piazza per chiederne l'annullamento. Tra questi, diversi si trovano ancora in carcere, nonostante l'invito di diverse ong alla loro liberazione, incluso Ahmed Abdullah, presidente della Commissione per i diritti e le libertà, organizzazione che offre servizi di consulenza legale alla famiglia di Giulio Regeni.

    Correlati:

    Carcere a vita per l’ex presidente dell’Egitto Muhammed Morsi
    Egitto: trovata una scatola nera del volo EgyptAir MS804
    Regeni, la famiglia: Ue isoli l'Egitto
    Tags:
    Arabia Saudita, Isole Tiran e Sanafir, Egitto
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik