Widgets Magazine
18:37 17 Luglio 2019
Bandiera del Montenegro

Montenegro sempre più Nato

© flickr.com
Mondo
URL abbreviato
5215

Per l’opposizione parlamentare, “le ambasciate dei Paesi membri della Nato e, in particolare quella degli Stati uniti, controllano il potere in Montenegro, dirigendone le mosse, con il denaro”.

L'opposizione parlamentare non molla. Proseguono in Montenegro le richieste di referendum popolare sull'adesione alla Nato. Il Fronte Popolare ci riprova oggi, dopo che il 17 giugno scorso, il parlamento non ha accolto la richiesta di referendum, approvando a maggioranza una risoluzione in base alla quale "il Montenegro ha dimostrato, nei 10 anni dal rinnovo dell'indipendenza, una chiara e stabile visione riguardo al raggiungimento delle priorità strategiche della politica estera, ovvero l'adesione alla Nato e all'Ue".

Il parlamento ha "ribadito ancora una volta la forte dedizione all'idea che il Montenegro diventerà parte della famiglia europea ed euro-atlantica, convinto dei risultati raggiunti e dalle riforme realizzate con l'obiettivo di raggiungere stabilità e sicurezza a lungo termine, promuovendo la stato di diritto e rafforzando l'ambiente democratico ed economico".

L'adesione alla Nato, secondo la risoluzione approvata, "ha una dimensione geopolitica più larga e rappresenta una decisione storica non soltanto per il Montenegro ma anche per l'alleanza nord-atlantica". La Nato, infatti, "avrà un nuovo e affidabile promotore dei propri valori su un territorio, quello dei Balcani occidentali, storicamente instabile". Per questi motivi, i deputati hanno "incoraggiato tutti gli attori politici e detentori del potere, esecutivo e giudiziario, nell'attuazione di misure concrete tese a raggiungere questi importanti obiettivi". L'adesione alla Nato, si legge infine, "rappresenterà un incoraggiamento anche per gli altri Paesi che intendono diventare parte dell'alleanza".

Secondo il Fronte democratico, la risoluzione è stata presentata "su ordine delle ambasciate internazionali a Podgorica". Per il deputato Andrija Mandic, eletto nelle fila del partito d'opposizione, "si tratta di una grande truffa e della prova di come le ambasciate dei Paesi membri della Nato e, in particolare quella degli Stati uniti, controllano il potere in Montenegro, dirigendone le mosse, con il denaro".

Correlati:

NATO: firmato protocollo per l’ingresso nell’Alleanza del Montenegro
Tags:
Adesione alla NATO, NATO, UE, Montenegro
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik