16:03 30 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
5180
Seguici su

Il ministro russo degli Esteri, Sergej Lavrov, ha consigliato agli USA di essere più paziente riguardo la questione siriana.

Ieri il segretario di Stato, John Kerry, ha detto che la pazienza di Washington "non è infinita, in realtà è molto limitata a mettere Assad di fronte alle sue responsabilità". Più tardi il dipartimento di Stato ha spiegato che in questo modo Kerry ha espresso la sua apprensione per la situazione in Siria.

Lavrov, intervenendo al forum economico internazionale di San Pietroburgo, si è detto sorpreso dalla dichiarazione di Kerry. Secondo lui, la Russia non ha promesso niente a nessuno: le parti coinvolte nella soluzione del conflitto siriano hanno convenuto di attenersi dagli accordi del gruppo internazionale di supporto alla Siria, sanciti dalle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU.

Allo stesso tempo, secondo il ministro russo, non ci sono progressi nei negoziati sulla Siria. "In ogni modo non è possibile avviare un dialogo politico con la partecipazione le parti siriane", ha detto Lavrov. Egli ha aggiunto che non si riesce a far sedere tutte le parti al tavolo dei negoziati, come previsto dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, non per colpa della Russia, ma degli USA, "che per qualche motivo non possono o non vogliono far pressioni sui loro alleati nella regione, e questi alleati nella regione occupano posizioni autoritarie".

Correlati:

Siria, Russia avverte Usa: Sosterremo azioni militari governo su Aleppo
Lavrov: in Siria gli USA faticano a coordinarsi con la Russia
Siria: Russia e USA concordano le operazioni congiunte
Tags:
Trattative inter-siriane, Conflitto in Siria, Cooperazione militare, Cooperazione con la Russia, Situazione in Siria, John Kerry, Sergej Lavrov, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook