06:42 08 Dicembre 2019
Sarajevo - Bosnia-Erzegovina

Bosnia, campi di addestramento per estremisti islamici

© Fotolia / Dabldy
Mondo
URL abbreviato
5110
Seguici su

A rivelarlo è il quotidiano nazionale Nezavisne novine, che in un articolo pubblicato nelle scorse ore ha svelato diversi dettagli su presunti centri per la preparazione di futuri jihadisti.

La stampa locale se ne sta occupando negli ultimi tempi ma le autorità bosniache continuano a negarne la presenza. É la denuncia della testata giornalistica di Bajna Luka, Nezavisne novine, che ha svelato sulle sue pagine la presenza di veri e propri campi di addestramento per estremisti islamici in Bosnia.

La stampa locale per dimostrare la sua tesi cita alcuni documenti riservati, in cui si fa riferimento al fatto che i servizi di sicurezza bosniaci sarebbero a conoscenza di gruppo di estremisti islamici, addestrati la scorsa estate in esercitazioni con armi da fuoco nelle montagne di Zelengora, nella parte sud-orientale della Bosnia, nei pressi del comune di Gacko vicino al confine con il Montenegro. Inoltre la fonte al servizio dell'intelligence nazionale sarebbe un inquirente locale che si occupa di supervisionare il flusso di nomadi che si sono stanziati nella zona.

Le autorità nazionali non hanno mai riconosciuto formalmente la presenza di questi campi nonostante la pressione mediatica crescente. Secondo gli estratti del dossier, pubblicato dal quotidiano, i servizi di sicurezza avrebbero precisato che per il momento non ci sarebbero pericoli per la popolazione locale, raccomandando tuttavia controlli aerei sui mezzi con i quali i gruppi si spostano nell'area di Zelengora. Solo due settimane fa il Nezavisne novine aveva pubblicato in un articolo la presenza di un altro centro per l'addestramento di gruppi wahabiti in un altra località ma nella parte nord occidentale della Bosnia.

Correlati:

Europarlamento vota risoluzione a favore di "prospettiva europea" per la Bosnia-Erzegovina
Tags:
Terrorismo, Estremismo, Addestramento, Bosnia-Erzegovina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik