19:02 29 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
561
Seguici su

L'Italia appoggia la Commissione Ue, che vuole approvare il “fratello minore” del Ttip senza il parere dei parlamenti degli Stati membri.

Il Ttip è un accordo misto, riguardando anche materie di competenza dei singoli Stati, il Ceta è "solo" commerciale. E' su questo presupposto che Carlo Calenda, ministro italiano per lo sviluppo economico, fino a poche settimane fa ambasciatore italiano presso istituzioni europee, si è schierato con la Commissione Ue, che vuole l'approvazione dell'accordo Ue-Canada senza il pronunciamento dei parlamenti degli Stati membri.

Il dibattito politico si è infiammato in queste ultime ore, dopo la netta presa di posizione del ministro e la pioggia di proteste arrivate da associazioni ambientaliste e dai comitati per il no Ttip, preoccupati che una tale soluzione possa interessare anche il più complesso accordo con gli Usa in discussione ormai da molti mesi. A protestare sono stati Francia, Germania e Austria, che chiedono alla Commissione Ue di ripensarci.

"Senza l'approvazione del nostro Parlamento — ha detto il vice cancelliere tedesco Sigmar Gabriel lo scorso 13 giugno — niente via libera al Ceta". Sulla stessa linea anche la Francia, che per bocca del segretario al Commercio ha alzato le barricate: "Il Ceta è un accordo di tipo misto — ha tuonato Matthias Fekl — perciò i Parlamenti devono avere l'ultima parola, è un imperativo democratico".

Correlati:

Matthias Fekl: Italia e Francia dicano no al Ttip
Capo diplomazia Belgio pessimista su accordo TTIP prima scadenza mandato Obama
La Germania compra Monsanto – e vende il TTIP all’Europa
Tags:
Accordo TTIP, TTIP, Commissione Europea, Matthias Fekl, Carlo Calenda, UE, Italia, Francia, Canada
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook