Widgets Magazine
03:35 22 Settembre 2019
Una delle isole Senkaku

Navi russe vicino le Senkaku gettano nel panico le autorità di Tokyo

© AP Photo / Xinhua, File
Mondo
URL abbreviato
47241
Seguici su

Le autorità giapponesi hanno contattato Mosca attraverso un canale diplomatico dopo che alcune navi della Marina russa è stata avvistata nei pressi dell’arcipelago conteseo delle Senkaku.

"Abbiamo richiamato la necessaria attenzione della Russia sulla questione attraverso un canale diplomatico", ha spiegato il segretario generale del parlamento giapponese, Yoshihide Suga, nel corso di una conferenza stampa.

Secondo il ministero della Difesa giapponese, le navi russe sono state avvistate nei dintorni dell'isola di Kubasim, non lontano dall'arcipelago delle Senkaky, alle 21;50 circa (ora locale) di mercoledì 8 giugno. Le navi russe hanno abbandonato la zona dopo sette ore.

Le maggiori preoccupazioni di Tokyo sono state provocate dalla comparsa nella zona delle isole contese di una fregata cinese. Il vice ministro giapponese degli Esteri, Akitaka Saiki, ha dichiarato che le autorità "hanno provato profonda agitazione" per l'avvenimento.

I rapporti tra il Giappone e la Cina si sono guastati nel settembre 2012, quando il governo giapponese ha acquistato da un privato tre delle cinque isole dell'arcipelago Senkaku, che Pechino considera il territorio cinese.

La disputa tra Cina e Giappone sulla proprietà delle isole è iniziata negli anni ‘70. Il Giappone sostiene di possedere l'isola dal 1895 e che fino a quel momento non apparteneva a nessuno. Pechino, invece, insiste che le isole sono state accorpate all'impero cinese più di 600 anni fa.

Correlati:

A giugno iniziano i negoziati sul trattato di pace tra Russia e Giappone
Incontro Putin-Abe: Giappone presenta piano di cooperazione economica con la Russia
Putin nell'incontro con Abe: il Giappone è un partner importante della Russia
Tags:
relazioni diplomatiche, Allarme, navi da guerra, Situazione nel Mar Cinese Meridionale, Isole Senkaku, Cina, Giappone, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik