01:25 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Roberta Pinotti, il ministro della Difesa dell'Italia

    Pinotti: In Libia potrebbero esserci armi chimiche

    © flickr.com/ Alessio Jacona
    Mondo
    URL abbreviato
    1806

    Il ministro italiano della Difesa lancia l'allarme: potrebbe averle lasciate il regime del colonnello Gheddafi.

    Roberta Pinotti si è detta preoccupata per la possibile presenza di armi chimiche in Libia. Il ministro italiano della Difesa ha parlato di questa evenienza per la prima volta ieri, partecipando ad un evento per la presentazione di un libro sui temi del terrorismo, rispondendo ad una domanda sui rischi rappresentati dal potenziale uso di armi non convenzionali da parte del Daesh.

    "Il tema è — ha detto il ministro — che ci sono realtà dove, essendoci conflitti in atto, è molto più difficile poter fare una valutazione oggettiva. Certo è un rischio presente non solo in Siria — ha aggiunto — e l'elemento micidiale è che qualcuno ancora continui a pensare di poterle usare".

    Riguardo all'attuale situazione libica, Pinotti ha predicato ancora una volta prudenza, parlando di tempi lunghi affinchè la situazione interna possa dirsi stabilizzata.

    "A noi sembra un processo lungo — ha ammesso — ma stiamo rispettando il volere dei libici di essere protagonisti della loro ricostruzione".

    Correlati:

    Libia. In arrivo nuove armi Usa, finiranno nelle mani “sbagliate” ancora una volta?
    Libia, al Sarraj: Dateci armi per combattere il Daesh
    Le armi chimiche del Daesh minacciano l’Europa?
    “I terroristi del Daesh stanno già portando le armi chimiche in Europa”
    Tags:
    ISIS, Terrorismo, Armi chimiche, Lotta al terrorismo, Roberta Pinotti, Siria, Libia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik