04:03 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Iraq

    Terrore in Iraq, strage nel primo giorno del Ramadan

    © AFP 2017/ MOADH AL-DULAIMI
    Mondo
    URL abbreviato
    204

    Un'autobomba è esplosa nelle scorse ore a Karbala, città santa sciita nel sud del Paese, uccidendo almeno otto persone. Si tratta del primo attentato dopo due anni nella località religiosa e proprio nell'anniversario della morte del primo emiro di al Qaeda al Zarqawi.

    Karbala è la città dove sorge il mausoleo di al-Husayn, il terzo imam dello Sciismo. Un luogo simbolico per colpire nel primo giorno del mese sacro del Ramadan i fedeli sciiti. L'autobomba è esplosa ieri in una località distante appena tre chilometri dal centro città. L'ultimo bilancio, riportato dall'emittente televisiva al Jazeera, parla di almeno otto morti e più di una ventina di feriti, ma sembra che nel corso delle ore debba aggiornarsi sempre di più.

    "L'autobomba è saltata in aria nei pressi del sobborgo di Al-Mowadhafeen", ha riferito un portavoce delle forze di sicurezza locali in un comunicato riportato dal sito di informazione Alarabiya. "Dense colonne di fumo nero sono visibili da diversi chilometri di distanza", riferisce ancora l'emittente televisiva locale al Sumaria, mentre l'attacco sarebbe stato rivendicato dal Daesh in un post sui social, in cui si fa riferimento a un solo kamikaze fattosi saltare in aria a bordo di un mezzo stradale.

    La nuova esplosione ordita dai terroristi ha colpito un obiettivo fin'ora risparmiato proprio per il carattere sacrale che lo caratterizza. Karbala sorge a 80 chilometri dalla capitale Baghdad ed è considerata la seconda città di riferimento per il ramo sciita dell'Islam. Sul suo territorio sorgono infatti due mausolei: uno dedicato all'imam Hussein e l'altro ad Abbas. In più confina con la provincia di Anbar, dove sono in corso i combattimenti tra le forze irachene e i miliziani fedeli al Califfato. Altro dato inquietante, riportato da diversi media internazionali, è il fatto che l'attentato sia avvenuto proprio il 7 di giugno, anniversario della morte di Abu Mus'ab al Zarqawi: primo emiro di al Qaeda in Iraq, considerato uno degli iniziatori della dottrina che ha portato alla nascita del Daesh, rimasto ucciso proprio un anno fa in un raid congiunto delle forze aeree americane e giordane.

    Correlati:

    I curdi dell’Iraq verso referendum per l’indipendenza
    Pentagono: dal 2014 in Siria e Iraq uccisi da USA e alleati oltre 120 leader del Daesh
    In Iraq il Daesh costringe gli uomini a non radersi la barba "per volere di Allah"
    Tags:
    Ramadan, Attentato, Iraq
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik