19:55 16 Dicembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 5°C
    Vilnius, capitale della Lituania

    La Lituania protesta

    © Sputnik. Alexey Filippov
    Mondo
    URL abbreviato
    18412

    Intervista al senatore Bartolomeo Pepe, ammonito dall’ambasciatrice della Lituania in Italia, per avere organizzato la presentazione del libro ‘la congiura lituana’ della scrittrice russa Galina Sapoznikova a Roma, alla Camera dei Deputati.

    Mercoledì 1° giugno si è tenuta presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati a Roma la presentazione del libro ‘La congiura lituana', scritto dalla giornalista russa Galina Sapoznikova. All'evento, organizzato dal senatore Bartolomeo Pepe, del gruppo misto, e da pandoratv.it, hanno partecipato l'autrice del saggio, il giornalista Giulietto Chiesa, autore della prefazione, e Aleksaner Bobylev, che, dopo avere passato tre anni in carcere a Vilnius, è considerato da molti una delle vittime della "caccia alle streghe" ordita dalla Lituania nell'epoca post sovietica.

    Commento dell'Ambasciata lituana in Italia sulla presentazione del libro La congiura lituana
    © Foto: Ambasciata della Repubblica di Lituania in Italia
    Commento dell'Ambasciata lituana in Italia sulla presentazione del libro "La congiura lituana"

    In tale occasione, l'ambasciatrice della Lituania in Italia, signora Jolanta Balciuniené, ha rimproverato ufficialmente il senatore Bartolomeo Pepe di avere ospitato la presentazione di un libro scritto "da una cittadina russa, persona dichiarata non gradita in Lituania". Senza tuttavia considerare che il senatore Pepe ha presentato il libro in Italia, Paese in cui Galina Sapoznikova ancora non è "non gradita".

    L'ambasciatrice considera la versione del libro ‘La congiura lituana' come "propaganda del Cremlino" e afferma che presentare un tale libro "nella Camera dei Deputati aderisce alla dissoluzione dell'Unione Europea".

    Sputnik Italia ha raggiunto il senatore Bartolomeo Pepe per comprendere meglio la vicenda. Il senatore, rammaricato dello spiacevole incidente diplomatico, ritiene che "mentre i diplomatici rispondono ai governi, i politici rispondono agli elettori." "Per questo motivo, aggiunge il senatore, un parlamentare deve avere la possibilità di raccontare la verità dei fatti ai cittadini, verità che dunque non può essere soggetta a censure basate sugli interessi della parti, ma va sempre integrata dal libero confronto delle fonti."

    Per il senatore Pepe, la lettera giunta dall'ambasciatrice lituana al suo indirizzo rappresenta quindi "un'ingerenza che incide sulla libera attività parlamentare" che lo stesso intende "tutelare formalmente ai massimi livelli istituzionali, italiani ed europei".

    Ma la libertà di espressione e di opinione quando è affondata? E dove?    

    Correlati:

    In Lituania esercitazioni delle forze speciali con la partecipazione della NATO
    Lituania: esercitazioni per il ripristino dei controlli alla frontiera con la Lettonia
    Estonia, Lettonia e Lituania reiterano l’opposizione a gasdotto russo Nord Stream 2
    Tags:
    libro, Bartolomeo Pepe, Italia, Lituania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik