20:24 16 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
7100
Seguici su

A meno di tre settimane dal delicatissimo appuntamento con il referendum sull'uscita del Regno Unito dall'Ue, la Bank of England si muove e prepara un fondo di emergenza per tutelare le banche.

L'ultimo sondaggio pubblicato dal The Observer nella giornata di ieri spaventa l'Ue: il 43% degli intervistati si è infatti schierato per il "Leave", lasciando a 40% il fronte del "Remain". Resta da contendere un 14% di indecisi, su cui i due comitati giocheranno le ultime carte in queste tre settimane scarse che separano l'Uk dallo storico appuntamento del 23 giugno.

Ed a leggere i dati pubblicati dal settimanale britannico è il tema dell'immigrazione ad aver giocato un ruolo decisivo nell'inversione di tendenza registrata in queste ultime settimane. Le proposte del comitato per il sì alla Brexit guidato da Boris Johnson infatti, sono state incentrate tutte su questo aspetto e le ultime comparsate televisive del primo ministro Cameron in evidente difficoltà, rafforzano le posizioni del Leave.

La sterlina negli ultimi giorni ha fatto registrare una picchiata e, stando a quanto riferito dal The Guardian, anche a Bank of England si starebbe muovendo, con la predisposizione di un fondo di emergenza per tutelare il proprio sistema bancario in caso di Brexit. 

Correlati:

Draghi: Bce pronta in caso di Brexit
Schieramento per il Brexit promette una legge "australiana" sui migranti
Brexit, Johnson. Modello australiano per i migranti
Tags:
Brexit, Banca d'Inghilterra, Bank of England, Boris Johnson, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook