20:31 17 Agosto 2018
Profughi siriani provenienti dalla Turchia

Europa: cresce il numero dei profughi musulmani che si convertono al Cristianesimo

© AP Photo / Santi Palacios
Mondo
URL abbreviato
591

Il numero di rifugiati musulmani in Europa che si convertono alla fede cristiana è in forte crescita. Ne è la prova il gran numero di battezzati negli ultimi tempi. Lo ha reso noto il Guardian.

Secondo dati ufficiosi, molti musulmani emigrati dal Medio Oriente e dall'Asia Centrale in seguito a conflitti, persecuzioni o difficoltà economiche, hanno iniziato a frequentare la chiesa con crescente frequenza.

Come osserva il Guardian, le ragioni di questo cambiamento potrebbero essere una sincera convinzione nella nuova religione e la gratitudine per l'aiuto cristiano nella pericolosa traversata. Inoltre, molti si aspettano che la conversione alla nuova fede possa aumentare le probabilità di ottenere asilo.

Grazie ai nuovi convertiti, il numero di parrocchiani della chiesa della Santissima Trinità nella periferia di Berlino, in due anni, è aumentato da 150 a quasi 700 persone — ha riferito il pastore Gottfried Martens. Secondo la pubblicazione, molti rifugiati sono stati battezzati nelle chiese di Berlino e Amburgo dall'inizio del 2016.

Il Guardian ha notato che la Chiesa Cattolica in Austria ha ricevuto non meno di 300 richieste di battesimo di adulti nel primo trimestre del 2016, di cui il 70% sono rifugiati. La cattedrale di Liverpool, in Inghilterra, ogni settimana celebra una messa in lingua persiana alla quale partecipano dalle 100 a alle 140 persone, quasi tutti provenienti da Iran, Afghanistan e Asia Centrale.

Correlati:

Migranti, trovati 117 cadaveri trovati sulla costa libica
Ue-Turchia: Accordo migranti e liberalizzazione visti sono inseparabili
Schieramento per il Brexit promette una legge "australiana" sui migranti
Tags:
musulmani, Cristianesimo, Accoglienza dei migranti, Migranti, Crisi dei migranti, Asia centrale, Medio Oriente, Gran Bretagna, Austria, Germania, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik