13:46 05 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
303
Seguici su

È la stima contenuta nel rapporto Global Slavery Index del Freedom Fund. Circa il 58 per cento degli schiavi moderni vivono in cinque paesi: India, Cina, Pakistan, Bangladesh e Uzbekistan. Male anche la Corea del Nord.

Sono 45,8 milioni le persone affette da una qualche forma di moderna schiavitù in tutto il mondo nel 2016. È la stima contenuta nel rapporto Global Slavery Index del Freedom Fund su 167 paesi nel mondo. Il rapporto interpreta la schiavitù moderna come una forma di sfruttamento che si ha quando una persona non può rifiutare o allontanarsi da un trattamento simile a quello di un animale da fattoria "a causa di minacce, violenza, coercizione, abuso di potere o inganno".

Circa il 58 per cento degli schiavi moderni vivono in cinque paesi: India, Cina, Pakistan, Bangladesh e Uzbekistan. Il maggior numero di persone sottoposte alla schiavitù vive in India: più di 18 milioni. Allo stesso tempo, la Corea del Nord è il paese con la più grande percentuale (circa il 4,8 per cento) di persone che soffrono di schiavitù moderna.

"In Corea del Nord, ci sono prove diffuse di lavori forzati mentre le donne nordcoreane sono sottoposte al matrimonio obbligatorio e allo sfruttamento sessuale commerciale in Cina e in altri Stati vicini", dice il rapporto.

L'Islanda e Lussemburgo sono i due paesi con il minor numero di persone che si trovano di fronte alla schiavitù moderna (meno di 500 persone). La relazione invita la comunità internazionale ad adottare misure volte a sradicare il problema:

"Chiediamo ai governi delle primi dieci economie del mondo di emanare leggi, forte almeno come il Modern Slavery Act 2015 del Regno Unito, con un budget adeguato e la capacità di assicurare che le organizzazioni tengano conto della schiavitù moderna nelle loro catene di approvvigionamento, potenziando la vigilanza indipendente".    

Correlati:

ONU: il Daesh tiene in schiavitù circa 3.500 donne e bambini
Tags:
Diritti umani, Schiavitù, Corea del Nord, Uzbekistan, Bangladesh, Pakistan, Cina, India
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook