13:50 20 Maggio 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 10°C
    Sgombero del campo profughi a Idomeni

    Idomeni, critiche Ue ai nuovi centri di accoglienza

    © AFP 2018 / STR / POOL
    Mondo
    URL abbreviato
    0 02

    Le oltre 8mila persone sgomberate a tempo record dal campo della cittadina al confine greco-macedone dislocate in capannoni industriali ed edifici governativi dismessi attorno alla città di Salonicco. Strasburgo: occasione mancata per creare centri efficienti.

    Migranti a Idomeni
    © AFP 2018 / ANDREJ ISAKOVIC
    A pochi giorni dallo sgombero di Idomeni, divenuto in poco meno di un anno il triste simbolo del fallimento nella gestione della crisi migratoria che sta investendo l'Europa, arriva la bocciatura di Strasburgo sulle nuove sistemazioni che le autorità elleniche hanno predisposto attorno alla città di Salonicco, a circa 80 chilometri dalla cittadina al confine greco-macedone.

    "Questa è un'occasione mancata per creare centri decenti che rispettino gli standard internazionali".

    Questa l'opinione espressa da Tineke Strik, parlamentare olandese che ieri ha visitato alcuni centri di accoglienza a Sindos, Softex, Oreokastro e appunto Salonicco. Strik, che è relatrice sull'immigrazione al Consiglio d'Europa, si è detta impressionata per la velocità con cui le autorità elleniche hanno messo a disposizione le strutture, dicendosi però delusa dall'assenza di elementi essenziali quali luce, impianti di ventilazione e misure di sicurezza anti-incendio.

    Critiche alle nuove sistemazioni sono provenute in queste ore anche dall'Unhcr che, con una nota, ha parlato dei nuovi siti affermando che si trovino in condizioni "largamente al di sotto degli standard minimi". 

    Correlati:

    Idomeni, scontri tra migranti e polizia
    Idomeni, polizia spara proiettili di gomma sui migranti
    Renzi: Europa va su Marte ma è ferma a Idomeni
    Tags:
    Unione Europea, Migranti, Crisi dei migranti, Centri per l'accoglienza dei migranti, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik