00:32 20 Ottobre 2018
Le bandiere dell'UE e della Turchia

La Turchia offesa da una dichiarazione di Cameron

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
7015

Il vice primo ministro turco, Numan Kurtulmush, ha definito «vergognose» le dichiarazioni dei politici europei riguardo al fatto che la Turchia non diventerà membro dell’UE prima dell’anno 3000.

Sono questi termini di ingresso della Turchia nell'Unione Europea in considerazione dell'attuale livello di progresso del paese indicati la scorsa domenica dal primo ministro britannico David Cameron.

«Se qualcuno sostiene che il processo dell'adesione della Turchia all'UE si protrarrà fino all'anno 3000, è una vergogna non per la Turchia, ma per quelli che la pensano così. Essi dovrebbero chiedersi che cosa ne sarà dell'attuale Unione Europea tra 30 anni. Noi rispetteremo i vincoli che ci siamo assunti per la liberalizzazione dei visti. Ma vorrei sottolineare che la Turchia non dipende dall'UE», ha dichiarato Kurtulmush, intervenendo al parlamento turco.

Secondo Numan Kurtulmush, Ankara considera l'integrazione nell'UE un'importante componente del rafforzamento delle relazioni economiche estere. «Tuttavia lo scopo dell'integrazione europea non prevede l'esigenza di giustificazioni assurde.»

Correlati:

Schulz: l’UE non deve permettere che la Turchia diventi uno stato totalitario
Gli europei non credono alla prospettiva di un ingresso della Turchia nell’UE
Merkel paragona l'intesa UE-Turchia con gli accordi di Minsk sul Donbass
Tags:
Offese, dichiarazioni, accordo UE-Turchia, ingresso in UE, Abolizione visti tra UE e Turchia, Numan Kurtulmus, David Cameron, Unione Europea, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik