18:30 26 Settembre 2017
Roma+ 21°C
Mosca+ 11°C
    Ministero delle Finanze dell'Ucraina

    L’Ucraina fa ricorso alla Russia alla Corte Suprema britannica

    © Foto: Daniel Haußmann
    Mondo
    URL abbreviato
    7860226

    L’Ucraina ha consegnato alla Corte Suprema di Londra la contestazione dell’esposto della Russia per il debito di tre miliardi di dollari. Lo ha reso noto il ministero delle Finanze ucraino.

    "L'Ucraina ha consegnato alla Corte Suprema britannica l'impugnazione della denuncia con la quale la società The Law Debenture Trust Corporation PLC ha rivolto all'Ucraina lo scorso febbraio. Il querelante un è un fiduciario secondo il documento, che prevedeva la concessione di prestiti da parte della Federazione Russa all'Ucraina per 3 miliardi dollari", si legge nella dichiarazione pubblicata sul sito web del ministero delle Finanze ucraino.

    "La contestazione dell'Ucraina alla denuncia sostiene che l'accordo del prestito non è valido e non è soggetto all'esecuzione coatta per una serie di motivi. Tra questi motivi, in particolare, rientra il fatto che, in conformità con la legislazione statale, l'Ucraina non ha avuto la capacità giuridica necessaria per stipulare accordi, violato i limiti di indebitamento stabiliti, e l'accordo è stato firmato sotto la costrizione effettuata dalla Russia per tutto 2013 con l'obiettivo di impedire la conclusione dell'accordo sull'associazione dell'Ucraina con l'Unione Europea", è indicato nel comunicato.

    "L'Ucraina ha intenzione di difendere risolutamente la sua posizione in questo affare", conclude il ministero.

    Correlati:

    La Russia chiede clausola estinzione debito Ucraina nel programma di aiuti del FMI
    Ucraina: Poroshenko proroga la moratoria sull’estinzione del debito con la Russia
    Nuova tranche del FMI per l'Ucraina dipende dal pagamento debito alla Russia
    Ucraina, Kiev continua dialogo con Russia su maxi debito da 3 miliardi
    Tags:
    Ricorso, Querela, Economia, Debito, Debito dell'Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik