22:30 25 Giugno 2019
Una barca di migranti

Migranti, ancora un naufragio nel Canale di Sicilia

© Sputnik .
Mondo
URL abbreviato
140

Si temono almeno 20 vittime nel naufragio che ha coinvolto un'imbarcazione con a bordo un centinaio di migranti, a 35 miglia dalle coste libiche.

Dopo il salvataggio di mercoledì scorso, con oltre 500 persone tratte in salvo dal naufragio che visto colare a picco il peschereccio a bordo del quale tentavano di raggiungere le coste siciliane, la Guardia Costiera italiana e le navi della missione EunavforMed hanno recuperato ieri altre 50 persone a 35 miglia dalle coste libiche. L'imbarcazione, avvistata inizialmente da un aereo EunavforMed in ricognizione sul Mediterraneo, avrebbe avuto a bordo un centinaio di persone e, secondo quanto riferito dal portavoce italiano della missione europea, il capitano Antonello De Renzis Sonnino, si teme che almeno 20 migranti non ce l'abbiano fatta.

I primi soccorsi sono stati portati da una nave del contingente spagnolo schierato nel Mediterraneo, la Reina Sophia, a cui si sono aggiunte successivamente due navi della Guardia Costiera italiana. Stando a quanto riferito da attivisti di Alarm Phone, riusciti a mettersi in contatto con alcuni occupanti dell'imbarcazione salvata ieri, molti tra loro sarebbero siriani. Circostanza questa che rappresenterebbe una sostanziale novità nello scenario delle migrazioni visto sin qui: la stragrande maggioranza dei migranti che percorrono la rotta mediterranea infatti, come confermato dai numeri diffusi anche dal Viminale in questi giorni, sono i cosiddetti migranti economici provenienti dall'Africa subsahariana. 

Correlati:

Europol: 800mila migranti dalla Libia
Migranti, 6mila salvati nelle ultime 72 ore nel Mediterraneo
Tags:
rifugiati, profughi, Migranti, Crisi dei migranti, naufragio, Guardia Costiera, EuNavFor, Libia, Sicilia, Canale di Sicilia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik