23:56 21 Settembre 2018
Il Primo Ministro italiano Matteo Renzi

La proroga delle sanzioni UE e la miopia dell’Italia

© REUTERS / Alessandro Bianchi
Mondo
URL abbreviato
18271

L’Unione Europea parla della proroga delle sanzioni contro la Russia in scadenza a luglio, ma diverse forze politiche europee non sono d’accordo. È chiaro che il sostegno alla revoca delle sanzioni è più forte di si pensava. Lo ha scritto l’Atlantic Council.

"L'Italia può essere un'altro problema. Roma allude al fatto che le contromisure russe sull'importazione dei prodotti alimentari ha colpito l'economia dell'Italia, il secondo partner commerciale europeo della Russia, preceduta solo dalla Germania, che possiede oltre 400 diverse aziende che operano sul territorio russo", si legge nell'articolo.

L'Atlantic Council riporta i dati dell'associazione italiana dei piccoli imprenditori, secondo cui dal 2013 al 2015 gli esportatori hanno perso circa 4 miliardi di dollari, quasi un terzo degli utili.

Tuttavia gli autori dell'articolo puntano il dito contro le motivazioni politiche, non economiche, dell'amministrazione italiana. Essi scrivono che il desiderio di Matteo Renzi di incontrare Putin al Forum economico internazionale di San Pietroburgo di giugno pare sia dettato dall'aspirazione di Roma di rafforzare la sua posizione nell'Unione Europea. Per l'Atlantic Council questi piani sono "miopi, egoisti e completamente senza senso."

Nell'articolo sono elencati gli altri paesi che sono perplessi riguardo la questione della proroga delle sanzioni: Ungheria, Cipro, Grecia, Austria e Repubblica Ceca.

"Anche la comunità imprenditoriale tedescacontraria alle sanzioni, può mettere sotto pressione il cancelliere Angela Merkel, data la sua posizione traballante dopo la crisi con i profughi siriani" nota l'Atlantic Council.

Le relazioni tra la Russia e l'Occidente si sono guastate dopo l'inizio della crisi ucraina. Allora gli USA e l'UE hanno introdotto sanzioni inizialmente contro le persone fisiche poi contro i settori dell'economia russa. In risposta alle azioni occidentali, nell'agosto 2014, Mosca ha introdotto misure restrittive sulle importazioni alimentari provenienti dai paesi che hanno sostenuto le sanzioni. Nel giugno 2015 le misure restrittive sono state reciprocamente prorogate. Le sanzioni occidentali contro la Russia scadranno a luglio, una decisione sulla loro revoca o estensione sarà presa dall'UE alla fine di giugno.

Correlati:

Tusk: L’UE ha una precisa posizione riguardo le sanzioni contro la Russia
Console russo a Milano: assistiamo ai danni che le sanzioni europee creano all’Italia
Montezemolo a Sputnik Italia, “Via le sanzioni e la Russia tornerà a bere vino italiano”
Russia, Librandi: Italia sia protagonista per stop sanzioni e nuovo dialogo con Ue
Tags:
relazioni Italia-Russia, Export, politica, Economia, Proroga sanzioni, Abolizione sanzioni, Sanzioni contro la Russia, Sanzioni, Sanzioni alla Russia, Forum Economico Mondiale, Matteo Renzi, Vladimir Putin, Italia, Unione Europea, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik