Widgets Magazine
21:59 21 Agosto 2019
Manuel Valls

Scioperi Francia, al via razionamento di carburante

© flickr.com/ Parti socialiste
Mondo
URL abbreviato
281

La mobilitazione contro la legge sul lavoro blocca le raffinerie e da il via al razionamento del carburante nelle aree di servizio del Paese.

Attese di ore e rifornimenti razionati alle stazioni di servizio francesi. La mobilitazione contro la riforma del lavoro El Khomri blocca il comparto petrolifero, costringendo i distributori di carburanti a vendere solo fino a 20 litri di carburante per singolo cliente. Dopo giorni di paralisi nelle raffinerie, da ieri dunque i primi segnali sulle scarse riserve di benzina nelle città francesi. Sette le prefetture che hanno varato provvedimenti ufficiali per il razionamento del carburante, mentre oltre un terzo di stazioni di rifornimento hanno temporaneamente chiuso perchè rimaste senza scorte.

Intanto prosegue il braccio di ferro tra governo e sindacati, in particolare Cgt, Force Ouvrière e Sud. Ancora ieri il premier Manuel Valls ha ribadito l'intenzione del governo di non ritirare la legge sul lavoro, votata per decreto la scorsa settimana e accusata di introdurre nuova flessibilità in un mercato già in crisi.

"La legge di riforma del mercato del lavoro — ha detto Valls — sarà approvata e applicata, senza alcun dubbio".

Prevista per il prossimo 26 maggio l'ottava giornata di sciopero nazionale in due mesi, con i sindacati principali che chiedono il ritiro della nuova legge. 

Correlati:

Francia, sindacati contro la riforma del Lavoro: sciopero il 26 maggio e il 14 giugno
Tags:
Riforma del lavoro in Francia, riforme, sciopero, Sindacati, Manuel Valls, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik