10:04 17 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 19°C
    Militari delle Forze Armate della Libia

    Libia, milizie locali riprendono terreno contro Daesh

    © REUTERS/ Esam Omran Al-Fetori
    Mondo
    URL abbreviato
    138040

    Le truppe di Misurata, che sostengono il governo di unità nazionale di Tripoli, avanzano nella zona di Abu Ghrein, mentre le forze fedeli al generale Haftar sono impegnate a Bengasi nel tagliare le linee di rifornimento degli ultimi jihadisti sul territorio. Si profila una concorrenza tra i due eserciti nella lotta all’Is.

    Arrivano i primi progressi sul campo per il governo di unità nazionale. Le milizie di Misurata hanno riconquistato diverse posizioni nella lotta ai combattenti del Daesh nella zone di Abu Ghrein nel tentativo di arrivare sino a Sirte: roccaforte del sedicente Stato islamico. I militari fedeli al neo esecutivo di Tripoli, guidato da Fayez al Sarraj, — come riportato da "al Jazzera" — hanno ripreso alcuni villaggi a est della città, che prima erano in mano agli uomini dell'Is. Si tratta della prima operazione militare condotta sotto gli ordini del governo di unità nazionale di Sarraji, da quando si è insediato lo scorso marzo.

    Intanto sull'altro fronte aperto — quello della Cirenaica — il generale Haftar riprende la sua marcia — anche lui — verso Sirte. L'ex ufficiale di Gheddafi, autoproclamatosi capo di Stato maggiore dell'Esercito libico, ha guidato le sue truppe nelle le zone di al Faakat e di al Qawarsha con l'obiettivo di isolare i jihadisti, colpendo tra l'altro un grosso convoglio dello Stato islamico e uccidendo diversi miliziani.

    Secondo diversi analisti internazionali, sarà interessante seguire a quali sviluppi porteranno queste due campagne militari parallele condotte contro il Daesh. E quali effetti porteranno nella geopolitica dello scacchiere libico.    

    Correlati:

    Libia: le autorità vogliono ristrutturare l’esportazione di petrolio ai valori prebellici
    Libia. In arrivo nuove armi Usa, finiranno nelle mani “sbagliate” ancora una volta?
    Europol: 800mila migranti dalla Libia
    Cremlino: Esperienza in Libia mostra che non ci sono alternative alla soluzione politica
    Tags:
    lotta contro il terrorismo, miliziani, Daesh, Libia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik