Widgets Magazine
03:35 21 Agosto 2019
Profughi

Germania: sempre più migranti si convertono al Cristianesimo

© AFP 2019 / ARMEND NIMANI
Mondo
URL abbreviato
281

Le Chiese protestante e cattolica della Bassa Sassonia hanno diffuso le informazioni sulla procedura del battesimo in lingua araba e persiana indirizzate a quei profughi che vogliono convertirsi al Cristianesimo.

A causa dell'aumento del flusso dei migranti le due Chiese si sono imbattute in un insolito fenomeno: sempre più migranti richiedenti asilo provenienti da paesi musulmani vogliono convertirsi al Cristianesimo.

La Chiesta cattolica e quella evangelica hanno reagito a questa esigenza divulgando le informazioni sulla religione cristiana in lingua araba e persiana e organizzando corsi preparatori per il battesimo. Inoltre la Chiesa evangelica ha sottolineato che la semplice conversione sulla carta non aumenta le possibilità di ottenere lo status di rifugiato.

"In questo momento c'è molto interesse", ha notato il pastore della comunità evangelica arabo-tedesca di Hannover, Michael Yousif. "Sette musulmani sono stati appena battezzati", ha detto il pastore di origini egiziane che dal 2002 si occupa dell'assistenza religiosa dei migranti. "I profughi sono molto interessati, fanno liberamente la loro scelta e vogliono sapere in cosa credono i cristiani".

Molti entrano in contatto per la prima volta con le comunità religiose per telefono o sms. Dopo di che si organizzano dei corsi preliminari per i migranti interessati. In questo modo nella città Winsen due palestinesi hanno ricevuto il sacramento del battesimo.

La crescita dell'interesse dei rifugiati alla conversione è confermata dal presidente del consiglio della Chiesa Chiesa Evangelica di Hannover, Rainer Kiefer. Secondo lui, alcuni dei rifugiati sono entrati in contatto con il Cristianesimo già in patria e vogliono professare questa religione in Germania.

Questo bisogno di religione è legato all'ospitalità e alla cordialità. La richiesta delle Sacre Scritture in arabo e persiano è in crescita, così come il materiale informativo sul battesimo in queste lingue.

"È molto importante che la decisione di battezzarsi si stata attentamente ponderata e seguita da un consulente", precisa Kiefer. Inoltre, il battesimo non deve essere una speranza per una migliore possibilità di ottenere lo status di rifugiato.

Il servizio iraniano di consulenza della chiesa di Hannover si prende cura dei cristiani dell'Iran dal 1979. Secondo il pastore Gunther Oborskiy, con un aumento del numero dei rifugiati ha raggiunto 300 battesimi in un anno. "La maggior parte dei battesimi non si è registrata solo ad Hannover, ma anche nei villaggi, dove ci sono i rifugiati". In Iran i cristiani sono organizzati in comunità o sono in contatto con le comunità ecclesiali attraverso internet.

Correlati:

Migranti, Gentiloni: situazione può peggiorare
Europol: 800mila migranti dalla Libia
Oltre 2mila migranti hanno cercato di raggiungere la Scandinavia dalla Russia
Tags:
Profughi, religione, Chiesa Luterana, Chiesa Cattolica, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik