18:24 26 Settembre 2017
Roma+ 21°C
Mosca+ 11°C
    Jamala celebra la vittoria all'Eurovision

    La Russia dice no all'Ucraina: nessun prestito per ospitare Eurovision-2017

    © AP Photo/ Martin Meissner
    Mondo
    URL abbreviato
    283006343

    La Russia non darà all'Ucraina alcun prestito per organizzare il concorso canoro "Eurovision", che verrà ospitato nel Paese nel 2017, ha dichiarato il vice ministro delle Finanze Sergey Storchak.

    La cantante ucraina Jamala ha vinto "Eurovision-2016" con la canzone "1944". Secondo le regole del festival, l'Ucraina dovrà ospitare l'edizione dell'anno prossimo.

    In precedenza il ministro della Cultura dell'Ucraina Evgeny Nyshchuk aveva lanciato un appello agli investitori europei per finanziare "Eurovision", spiegando che la manifestazione richiede "grandi sforzi finanziari".

    Il consigliere del ministro delle Infrastrutture dell'Ucraina Yanika Merilo ritiene che i soldi per "Eurovision" si troveranno in Ucraina. Secondo lei, i costi potrebbero non essere così alti: i contributi dei Paesi partecipanti, i ricavi dalla vendita dei biglietti e il sostegno degli organizzatori potrebbero coprire circa 3/4 delle spese.

    Il ministro della Cultura russo Vladimir Medinsky ha dichiarato oggi che nel dicastero si riflette sulla possibilità di inviare un rappresentante russo per prendere parte all'edizione di "Eurovision" che si svolgerà in Ucraina.

    Correlati:

    Eurovision, la vittoria di Jamala spiazza anche la stampa occidentale
    All'Eurovision vince l'Ucraina con la canzone antirussa. Sorprese dal voto spettatori
    Eurovision, in Russia contano su bocciatura canzone politicizzata dell'Ucraina
    Tags:
    Occidente, Società, Finanze, Musica, Cultura, Eurovisione, Vladimir Medinsky, Sergey Storchak, Jamala, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik