22:57 13 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

Dopo l'autobomba al mercato nel quartiere Sadr City, altre due esplosioni colpiscono la comunità sciita della capitale irachena.

Giornata di sangue per Baghdad, colpita da una raffica di attacchi che hanno preso di mira la comunità sciita della capitale irachena. Dopo la notizia diffusa nel primo pomeriggio di ieri sull'autobomba che ha colpito il mercato del quartiere di Sadr City infatti, altre due autobomba kamikaze sono deflagrate in altri quartieri della città, per un bilancio complessivo che si presenta come il più pesante da inizio anno: 94 morti e oltre 150 feriti.

La rivendicazione del Daesh, apparsa sul web poche ore dopo il primo attentato, offre la conferma che la violenza settaria nei confronti della comunità sciita in Iraq non si è mai fermata. La paralisi del governo iracheno, con il primo ministro al Abadi ancora senza una maggioranza ed il caos istituzionale che regna nei palazzi del governo di Baghdad, non aiutano ed in tal senso la risoluzione della crisi istituzionale appare sempre più impellente per fermare la spirale di violenza. Nel solo mese di aprile sono oltre 700 le vittime di conflitti armati in tutto il Paese. 

Correlati:

Terrore a Baghdad, autobomba Daesh uccide più di 60 persone in un mercato
Iraq, manifestanti sciiti lasciano zona verde da Baghdad
Terrore a Baghdad, nuova autobomba fa strage di civili nel centro cittadino
Daesh, strage di sciiti a Baghdad: oltre 70 morti
Tags:
ISIS, Attentato, Attentato a Baghdad, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook