14:07 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
246
Seguici su

I terroristi dello "Stato Islamico" (Daesh) hanno ucciso oltre 30 suoi militanti per diserzione, dopo essersi rifiutati di combattere contro le truppe governative irachene nei pressi del villaggio di Bashir. Lo riporta la rivista online "International Business Times" riferendosi a sue fonti locali.

Si riferisce che circa 35-45 combattenti del Daesh sono stati seppelliti vivi per paura, dopo essersi rifiutati di combattere contro i peshmerga curdi e le forze governative irachene nei pressi del villaggio di Bashir, situato a sud della città di Kirkuk. Proprio per l'ammutinamento dei jihadisti i peshmerga sono riusciti a strappare al Daesh il villaggio di Bashir.

La rivista fa notare che le condanne a morte per diserzione sono capitate più di una volta in passato, ma per la prima volta il gruppo terroristico ha seppellito vivi i suoi combattenti.

Lo scorso 12 marzo i terroristi avevano trucidato 2 comandanti per essersi messi in fuga dal campo di battaglia. I comandanti avevano giurato di essere pronti a morire pur di non lasciare la città di Al-Shaddad, ma in realtà sono fuggiti, abbandonando i loro uomini.

Il 5 marzo il Daesh ha condannato a morte 11 comandanti per tradimento. Il motivo è stata la frettolosa ritirata di 150 islamisti, compresi gli stessi comandanti, dalla città irachena di Tikrit dopo che le forze governative irachene avevano lanciato un'offensiva su larga scala.

Correlati:

Nel nord dell'Iraq ucciso uno dei leader del Daesh
Il terribile racconto di un bambino rapito dal Daesh
Washington Post: Daesh in crisi finanziaria
Tags:
ISIS, Terrorismo, Curdi, Condanna a morte, Diserzione, Peshmerga, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook