18:46 06 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2143
Seguici su

Il 9 maggio, Giorno della Vittoria, è una festa che oltrepassa i confini. Anche in Italia fervono iniziative e manifestazioni di vicinanza al popolo russo.

A Roma per la prima volta si è tenuta l'iniziativa "Reggimento degli Immortali" organizzata con l'ausilio del Centro di scienza e cultura russa. Per onorare la memoria dei soldati caduti nella Grande Guerra Patriotica (1941- 1945) i loro parenti che vivono in Italia hanno portato le fotografie dei loro nonni e padri che in quegli anni combatterono al fronte.

Venezia, la Repubblica Veneta non dimentica

Il carro armato T-90 alla Parata Della Vittoria
© Sputnik . Илья Питалев
Alberto Gardin, presidente del Governo Veneto, in una lettera scrive a Sputnik Italia:

Onoriamo oggi il grande contributo dato dalla Russia alla sconfitta nel 1945 dei regimi nazifascisti di Roma e Berlino. Oggi la Russia, che festeggia la sua vittoria sulla Germania di Hitler, si trova sotto pressione dei regimi "occidentali" per aver contrastato il colpo di Stato americano in Ucraina e l'estensione della NATO su tutta l'Europa. La Repubblica Veneta rivendica la sua filosofia storica in favore della non-belligeranza, della distensione e della collaborazione internazionale. Il Governo Veneto denuncia pertanto l'innalzamento di barriere tra Unione Europea e Russia e sostiene invece una nuova politica europeista che abbracci tutta l'Europa, nel rispetto della sovranità di ogni Nazione.

Napoli, una messa in ricordo dei caduti sovietici

Il Consolato Russo di Napoli commemora i caduti della Grande Guerra Patriottica: martedi' 10 maggio, presso il cimitero monumentale di Poggioreale a Napoli, padre Michail, parroco della chiesa dell'Apostolo Andrea Primochiamato, terra' una messa in rito ortodosso in onore dei cittadini dell'ex URSS morti durante II conflitto mondiale. La cerimonia religiosa si terra' nella sezione slava del cimitero e comincera' alle ore 10.

Tags:
Giorno della Vittoria, Napoli, Veneto, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook