05:23 24 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6432
Seguici su

La petizione pubblicata sul sito della Casa Bianca con la richiesta di abrogare il "Magnitsky Act" ha ricevuto oltre 109mila firme in 2 settimane.

La petizione era stata pubblicata sul sito web della Casa Bianca il 23 aprile scorso. Dal momento che è stata firmata da più di 100mila persone in meno di 30 giorni, l'amministrazione americana sarà ora obbligata a prenderla in considerazione.

Entro 60 giorni tutti i firmatari della petizione dovranno ricevere una risposta ufficiale da parte delle autorità statunitensi.

I promotori della raccolta firme sostengono che la legge sia stata approvata a seguito di pressioni da parte del numero uno di "Hermitage Capital" William Browder e dell'ex ad della "Yukos" Mikhail Khodorkovsky. Secondo gli autori, il "Magnitsky Act" scredita la legge americana ed è dannosa per gli interessi nazionali.

Il cosiddetto "Magnitsky Act" era stato approvato negli Stati Uniti il 4 dicembre 2012. In accordo al documento sono state introdotte sanzioni (divieto d'ingresso nel Paese) nei confronti di cittadini russi che, secondo i membri del Congresso, sarebbero implicati in violazioni dei diritti umani. Nell'aprile 2014 la cosiddetta "lista Magnitsky" contenente 32 cittadini russi è stata approvata e dal Parlamento europeo.

Correlati:

La “lista Magnitsky” diventerà la “lista Nemtsov”
Tags:
Casa Bianca, Società, sanzioni antirusse, lista Magnitsky, Mikhail Khodorkovsky, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook