Widgets Magazine
04:58 23 Ottobre 2019
Una Fiat-124, diventata Zhiguli sulla piazza Rossa

La Fiat in Polonia, Jugoslavia e Russia nei ricordi di Riccardo Chivino

© Sputnik . Archivio RIA Novosti
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

​Il Centro Storico Fiat pubblica e rende disponibili gratuitamente online le memorie di uno dei protagonisti della presenza Fiat nell'Est Europa durante gli anni della guerra fredda.

Riccardo Chivino (1914-2006), in qualità di responsabile della Direzione Affari Speciali, negoziò con i paesi d'oltrecortina importanti iniziative industriali e commerciali, dalla produzione su licenza della 600 a Kragujevac, in Jugoslavia, alla costruzione e consegna "chiavi in mano" del gigantesco stabilimento di Togliatti in Unione Sovietica.

Allievo di Einaudi, antifascista con Giustizia e Libertà, mediatore fra Oriente e Occidente, Chivino cattura quanto normalmente sfugge ai documenti d'archivio: ritratti di persone, luoghi, dettagli capaci di restituire concretezza a un'epoca.

«Questa Russia, zarista e bolscevica, che con l'immensità delle sue terre, boschi e acque fa grandi anche gli eventi e i personaggi che la popolano».

Ecco il link per scaricare la pubblicazione — Fonte: Centro Storico Fiat

Correlati:

Uno stabilimento: grande e subito - la Fiat arriva nell'URSS
Nozze d'oro per la FIAT in Russia
Fiat e Avtovaz, i padroni della strada nell'URSS
Tags:
Auto, Italia, URSS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik