14:06 08 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
2211
Seguici su

Il premier iracheno Haider al-Abadi ha incaricato il ministero dell'Interno di perseguire i manifestanti che hanno attaccato nella giornata di sabato le forze dell'ordine ed hanno fatto irruzione nel Parlamento.

Sabato centinaia di sostenitori del leader sciita Muqtada al-Sadr hanno preso d'assalto il Parlamento a Baghdad per protestare contro il rinvio del voto sulla nuova composizione del governo. In precedenza i manifestanti avevano esortato i ministri a dimettersi per la corruzione dilagante ed a rinunciare alla formazione di un governo sulla base di quote in base alle confessioni religiose. Sono rimasti contusi diversi deputati per mano dei manifestanti, che hanno inoltre danneggiato l'aula. Fino a questa mattina tutte le vie d'accesso a Baghdad erano chiuse.

"Il comandante in capo, il primo ministro Haider al-Abadi, ha incaricato il ministro degli Interni di perseguire coloro che hanno attaccato le forze dell'ordine, i cittadini e i parlamentari, nonché commesso atti di vandalismo contro i beni dello Stato. Devono essere portati davanti ad un giudice e ricevere la giusta condanna," — ha scritto il primo ministro su Facebook.

I manifestanti hanno lasciato il Parlamento nella notte di sabato e si sono trasferiti in una delle aree all'interno della cosiddetta "zona verde". Successivamente al-Abadi ha visitato personalmente l'aula che i manifestanti hanno messo a soqquadro.

Secondo il canale "Sky News Arabia", oggi si è svolta una riunione d'emergenza dei vertici dello Stato sulla situazione nel Paese, con la partecipazione del premier, del presidente Fuad Masum e del presidente del Parlamento iracheno Salim al-Jabouri.

Correlati:

L'Iraq non vuole essere teatro del conflitto di interessi geopolitici
Tags:
politica interna, Violenza, scontri, premier Haider al Abadi, Baghdad, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook