02:59 25 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1361
Seguici su

La Norvegia concederà aiuti finaziari ai profughi che accetteranno di ritornare nel proprio paese d’origine. Lo ha dichiarato oggi il ministro norvegese dell’immigrazione Sylvi Listhaug.

Il governo della Norvegia ha aumentato di un terzo la misura del pagamento che ogni profugo richiedente può ricevere per tornare volontariamente nel suo paese d'origine. I primi 500 migranti che nel prossimo mese e mezzo lasceranno il paese, oltre al biglietto, riceveranno non 20 mila, bensì 30 mila corone (più o meno 3.650 dollari). Alle famiglie con bambini al seguito, ai cittadini di vari paesi, e agli individui che si trovano in condizioni particolarmente svantaggiate (anziani, vittime di violenza, malati, ecc.) si offre una somma maggiore.

"Questo ci consentirà di risparmiare molto denaro. Il mantenimento delle persone nei centri d'accoglienza è molto più costoso", ha dichiarato il ministro, citato dalla televisione di stato norvegese.

Secondo Listhaug, l'iniziativa dell'esecutivo sarà prorogata se avrà successo e permetterà in modo considerevole di incrementare la quantità di profughi che richiedono di lasciare il paese.

Potranno beneficiare dell'aiuto economico anche quei migranti le cui richiesto non sono state ancora esaminate e quelle persone che si trovano nel paese senza illegalmente. Del massimale della somma prevista dalla legge possono godere soltanto quelli che vogliono lasciare la Norvegia entro i termini fissati dalle autorità.

I programmi statali di aiuti ai migranti e ai profugi clandestini che desiderano tornare nei loro paesi d'origine esistono in Europa dagli anni settanta del secolo scorso. In Norvegia negli ultimi cinque anni hanno beneficiato di questi aiuti circa due mila persone. Secondo i dati della sezione norvegese dell'Organizzazione internazionale per la migrazione, tra gennaio e febbraio di quest'anno il numero di richiedenti è cresciuto del 90%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, raccogliendo 620 persone.

Il numero di richieste di asilo presentate in Norvegia nel 2015 è di circa 31.000, mentre negli ultimi anni non superava la soglia dei 10.000 all'anno. D'altra parte, nei primi tre mesi del 2016 sono state presentate meno di mille richieste. Ciò è dovuto al fatto che la Norvegia ha rafforzato in modo significativo le sue leggi sull'immigrazione, così come i paesi scandinavi limitrofi, e ha iniziato a effettuare controlli dei passaporti alle frontiere con gli altri stati della zona Schengen.

Correlati:

Francesi credono che i migranti siano una fonte di criminalità
Ankara: Senza sblocco Ue sui visti turchi, salta accordo sui migranti
Migranti, Casa Bianca: Pronti a ospitare 10.000 siriani
Tags:
espulsione migranti, Crisi dei migranti, Norvegia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook