18:32 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
12121
Seguici su

Lo dice il sondaggio condotto dall’istituto demoscopico francese Ifop per l’agenzia d’informazione Sputnik.

Secondo il sondaggio di Sputnik.Opinioni, la maggioranza schiacciante dei cittadini francesi (il 64%) ritiene che i migranti dall'Africa e Medio Oriente siano una fonte seria di criminalità. I cittadini francesi hanno mostrato che sono ben al corrente dei crimini dei migranti: solo l'8% degli intervistati non è riuscito a dare risposta. Il 28% degli intervistati crede che la presenza dei migranti nel Paese non comporti la crescita della criminalità.

Il sondaggio è stato condotto in Francia dall'istituto demoscopico Ifop dal 3 al 5 febbraio del 2016 su un campione di 1499 persone rappresentativo della popolazione per sesso, età, provenienza.

La presenza dei migranti provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente in Francia è una fonte di criminalità?
© Sputnik
La presenza dei migranti provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente in Francia è una fonte di criminalità?

Cos'è il progetto "Sputnik.Opinioni"?

Il progetto internazionale per lo studio dell'opinione pubblica è stato lanciato nel gennaio 2015. Le note società di ricerche Populus, Ifop e Forsa partecipano come partner. Il progetto "Sputnik.Opinioni" conduce regolarmente sondaggi sull'opinione pubblica in Europa e negli Stati Uniti sulle questioni sociali e politiche più attuali.

Sputnik (sputniknews.com) è un'agenzia di stampa e una radio con centri multimediali di informazione in decine di Paesi. Sputnik include siti web, trasmissioni analogiche e digitali, application per tablet e smartphone e pagine sui social network.

Correlati:

Migranti, parlano i superstiti del naufragio dei 500
Migranti, Alfano: Troveremo intesa con la Germania
Ankara: Senza sblocco Ue sui visti turchi, salta accordo sui migranti
Migranti: Italia è il paese che ha registrato il maggior numero di arrivi questa settimana
Tags:
Criminalità, Profughi, Crisi dei migranti, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook