09:44 21 Ottobre 2018
Presidente USA Barack Obama

USA: Obama annuncia la spedizione di un contingente militare in Siria

© AFP 2018 / Mandel Ngan
Mondo
URL abbreviato
16130

Il Pentagono ha convinto Obama della necessità di inviare un contingente militare in Siria, il cui principale compito sarà la liberazione della città di Raqqa, la roccaforte del Daesh.

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato lunedì la spedizione in Siria di 250 soldati per la lotta contro il Daesh.

Secondo il Wall Street Journal, il compito principale del contingente americano in Siria sarà prendere parte alla lotta contro i terroristi per la liberazione della città di Raqqa, la principale roccaforte del Daesh.

Obama sarebbe stato convinto della necessità di questa misura dal Pentagono, le forze armate sperano così di rafforzare e aumentare il successo delle operazioni in Siria.

Se l'informazione della pubblicazione sarà confermata, il numero dei soldati americani in Siria salirà a 300. Alla spedizione prenderanno parte corpi speciali, personale medico, ricognitori e specialisti di logistica.

Il gruppo terroristico Daesh è una delle principali minacce alla sicurezza mondiale. In tre anni i guerriglieri sono riusciti ad impossessarsi di ignificative porzioni di territorio di Iraq e Siria. Non esiste un unico fronte nella lotta contro il Daesh: i terroristi sono fronteggiati dall'esercito governativo siriano supportato dall'aeronautica militare russa e irachena; dalla coalizione internazionale gudata dagli USA, che si occupa solo di attacchi aerei; dai curdi e dalle milizie sciite irachene e libiche.

Correlati:

Kerry: USA contano di concordare con Russia nuovo sistema di monitoraggio in Siria
Siria: gli USA fanno il conto degli attacchi della Russia contro il Daesh
Dipartimento di Stato USA avverte: nessun “piano B” sulla Siria
Il Wall Street Journal rivela il “piano B” USA in caso di rottura tregua in Siria
Tags:
terrorismo, lotta contro il terrorismo, Operazioni militari, contingente militare, Situazione in Siria, Wall Street Journal, Pentagono, Barack Obama, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik